Archivi categoria: Poesia

Il sogno di una vita che si realizza…

Non ci sono parole per commentare un video bello come questo…

colonna sonora: Mad World di Gary Jules

ciao,

guana.

Aforisma del giorno – 2# – da Prima Lettera ai Corinzi

” Quand’ ero bambino, parlavo da bambino, pensavo da bambino, ragionavo da bambino. Ma, divenuto un uomo, ciò che era bambino l’ho abbandonato.”

PAOLO DI TARSO, Prima lettera ai Corinzi, XIII, 11-12

ciao,

guana.

VideoClip della settimana – Mare dentro

Mare Dentro – tratto dal film “Mar Adentro” di Alejandro Amenabar.


Mare dentro, in alto mare – dentro, senza peso
nel fondo, dove si avvera il sogno: due volontà
che fanno vero un desiderio nell’incontro.

Un bacio accende la vita con il fragore luminoso di una
saetta, il mio corpo cambiato non è
più il mio corpo, è come penetrare al centro
dell’universo:

L’abbraccio più infantile, e il più puro dei
baci fino a vederci trasformati in
un unico desiderio

Il tuo sguardo il mio sguardo, come un’eco
che va ripetendo, senza parole: più dentro,
più dentro, fino al di là del tutto, attraverso
il sangue e il midollo.

Però sempre mi sveglio, mentre sempre io voglio
essere morto, perché io con la mia bocca
resti sempre dentro la rete dei tuoi capelli.

Ramòn Sampedro

Ciao,

guana.

“Una morte pietosa lo strappò alla pazzia”

Un matto

Tu prova ad avere un mondo nel cuore
e non riesci ad esprimerlo con le parole,
e la luce del giorno si divide la piazza
tra un villaggio che ride e te, lo scemo, che passa,
e neppure la notte ti lascia da solo:
gli altri sognan se stessi e tu sogni di loro

E sì, anche tu andresti a cercare
le parole sicure per farti ascoltare:
per stupire mezz’ora basta un libro di storia,
io cercai di imparare la Treccani a memoria,
e dopo maiale, Majakowsky, malfatto,
continuarono gli altri fino a leggermi matto

E senza sapere a chi dovessi la vita
in un manicomio io l’ho restituita:
qui sulla collina dormo malvolentieri
eppure c’è luce ormai nei miei pensieri,
qui nella penombra ora invento parole
ma rimpiango una luce, la luce del sole

Le mie ossa regalano ancora alla vita:
le regalano ancora erba fiorita.
Ma la vita è rimasta nelle voci in sordina
di chi ha perso lo scemo e lo piange in collina;
di chi ancora bisbiglia con la stessa ironia
“Una morte pietosa lo strappò alla pazzia”.

Fabrizio De Andrè.

fabrizio-de-ande2

http://www.youtube.com/watch?v=nuSkcLY0YQg

ciao,

guana.

“A chiara…”

ciao,

guana.

Humor ancunetano: “ma che me stai a pijà pel culo?”

Dopo tutti i video in dialetto anconetano che ho messo nel blog, i moscioli, c’avemo pure li sfottò :

I bassi:

  • sei cusci’ basso che quando piove sei l’ultimo a sapelo
  • sei cuscì basso che se te meti meza anguria sotto i piedi pari un giogatore de subuteo
  • sei talmente bassa che se te meti un tampax interno inciampi intel laccetto
  • sei cuscì basso che te pòi lavà i denti intel bidè

I brutti:

  • sei talmente bruto che quando sei nato tu’ madre ha deto “che tesoro”, e tu’ padre “sci…. soteramolo”
  • a te la foto de la patente è mejo se te la fanne de spale
  • sei brutto come ‘n dispiacere
  • sei talmente bruta che se te fanne na foto la pelicola s’impressiona veramente
  • sei talmente bruto che quando eri ragazzi’ tu’ madre invece de datte el ‘plasmon’ te dava el ciappi
  • sei bruta come na busta de buce de fave
  • sei talmente bruto che l’ostetriga quando sei nato ‘nvece de da’ ‘no schiafo a te, l’ha dato a tu’ madre
  • sei talmente bruto che se vai a lockness esce fòri el mostro co’ la valigia dicendo: “meno male, è rivato el gambio!”
  • sei talmente bruto che quando sei nato t’hanne messo drento ‘n’incubatrice co’i vetri scuri
  • ahò, racontame ‘n po’ dell’incidente…. miga me vorai dì che sei nato coscì!
  • se te vede el papa… vota pe’ l’aborto
  • sei cuscì brutto che quando sei nato el dutore ha provato a rimetete drento
  • pari na frappa!!! quando sei nato l’ustetriga ivece de pijatte co’ el forcipe ta’ preso co la pinza dele pastarele

Grassi e sechi:

  • c’hai un fisico da domatore de vongole
  • roba che c’hai el fisico da sulevatore de pulemighe!
  • sei talmente seco che a confronto fassino pare un lutatore de sumo
  • sei talmente grassa che tu’ madre ‘nvece de iscrivete all’anagrafe è dovuta andà al catasto

I stupidi:

  • è proprio el cervelo tuo che e’ cusci o te sei scurdato de fa la ricariga?
  • c’hai ‘n cervelo talmente picini’ che n’idea pe usci’ deve fa manovra
  • sei cuscì ‘mbecille che intele celule tue nun ce stanne i geni… ce stanne i handicappati
  • sei talmente stupido che si vai al cinema e legi ‘vietato ai minori di 18′ artorni con 17 amighi
  • a èsse stupidi è un dirito, ma certo che te te n’approfiti
  • sei cuscì stupido ch’el còre tuo se sta a domandà se vale la pena de pompà tutto quel sangue al cervelo
  • se te magni un mosceri’ c’hai più cervelo intel stomigo che intela testa!

Varie:

  • c’hai el naso cuscì grosso che pe’ datte un bagio in tutte e do’ le guance se fa prima a passatte de dietro
  • in tela fronte c’hai talmente tante rughe che pe’ levatte el cappello el devi svità!
  • c’hai un brusciolo cuscì grosso che m’ha chiesto ‘na malboro
  • sei più infame te che un furgo’ de secundini
  • ma el fiato è l’tuo o e’ rivato el circo in città?
  • ma è la ragaza tua o hai truccato el ca’?
  • sei come un semafuro su ‘na rotatoria….. nun c’entri un cazzo!
  • sei simpatigo come el primo magio de dumenica!
  • c’hai cusci’ tanta barba in tela facia che se te magni ‘na banana pari un film porno

La ballata del programmatore

Il mestiere del programmatore è spesso infimo, cattivo, duro. Tanto che un “discendente artistico” di De Andrè vi ha dedicato una ballata (cliccate sopra questo link).

programmatore1.jpg

All’ombra dell’ultimo sole
si addormentò un programmatore
tra le sue braccia un manuale
sognando il mare tropicale
Venne alla ditta un committente
con un progetto inconsistente
delle richieste da far paura
“prima di ieri perché ho premura”
E domandò un lavoro immane
con le specifiche più strane
“io voglio tutto e pago niente
ho fretta sono un committente”
Gli occhi dischiuse il softwarista
un video l’unica sua vista
dall’alba grigia fino a sera
incatenato alla tastiera
Battendo i tasti a mo’ di ossesso
e trascurando cibo e sesso
riuscì un bel giorno a consegnare
una release preliminareE si sentiva ormai contento
ma fu sollievo di un momento
già richiamava quel cliente
“qui non funziona un accidente”Ricominciò il programmatore
a faticar per ore ed ore
sopra un problema assai intricato
nascosto dentro ad un listatoVenne di nuovo il committente
disse “così è meglio che niente
è tuttavia per me importante
fare una piccola variante”Ma all’ombra dell’ultimo sole
dormiva già il programmatore
tra le sue braccia un manuale
sognando il mare tropicale

Erix

Tutto ciò mi ricorda qualcosa di simile………:-|

Ecco il mare tropicale che sogno io quando sono davanti al computer :(

2400-3591.jpg

guana.

Puppappere

Pubblico una poesia scritta da due miei amici Primo e Roxana  (questa si che è poesia):

“Puppappere”

casco dal pero
e mi dispero

(e accendo un cero)

alla finestra un eco vero

puppappero!

cielo mio marito

cielo son finito

cazzo quello spara

per la figa trovo la bara

scappa corri non ti fermare

cazzo che corro

nun me fo pigliare

se ti piglio ti scotenno

te riduco a na BANANA

MA è TUA MOGLIE LA PUTTANA

zitto stronzo se ti piglio

fai la fine del coniglio

ma che coniglio e coniglietto

c’ho la strizza e mi permetto

de dirte in confidenza

l’avemo fatto pur su la credenza

in bagno ed in cucina

se nun venivi pure in piscina

ma po dico che t’incazzi

pe na botta tutti sti cazzi

sta tranquillo nun fa il coglione

per un pompi tutta sta discussione

vie co me annamo a bere

annamo a trova le puppappere!!!!!

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.