Pubblico una poesia scritta da due miei amici Primo e Roxana  (questa si che è poesia):

“Puppappere”

casco dal pero
e mi dispero

(e accendo un cero)

alla finestra un eco vero

puppappero!

cielo mio marito

cielo son finito

cazzo quello spara

per la figa trovo la bara

scappa corri non ti fermare

cazzo che corro

nun me fo pigliare

se ti piglio ti scotenno

te riduco a na BANANA

MA è TUA MOGLIE LA PUTTANA

zitto stronzo se ti piglio

fai la fine del coniglio

ma che coniglio e coniglietto

c’ho la strizza e mi permetto

de dirte in confidenza

l’avemo fatto pur su la credenza

in bagno ed in cucina

se nun venivi pure in piscina

ma po dico che t’incazzi

pe na botta tutti sti cazzi

sta tranquillo nun fa il coglione

per un pompi tutta sta discussione

vie co me annamo a bere

annamo a trova le puppappere!!!!!