barcelona_6.jpg

Stasera guardando la tv mi è capitato di rivedere per caso Placa Cataluna, la piazza centrale più famosa di Barcelona. Che dire, ho sentito una stretta al cuore. Eh si dopo essere stato in Erasmus in una delle città più belle di Europa, questa sera non posso che condividere con voi una piccolissima parte di quella che è stata la mia esperienza di quasi un anno a Barcelona nel lontanto, lontanissimo 2005/2006. Si raga avete capito bene, ben 11 mesi in una delle mete più calienti e desiderata da tutti gli studenti universitari europei.

La borsa di studio Socrates-Erasmus mi ricopriva 6 mesi, ma nonostate ciò ho deciso di prolungare la mia permanenza fino a giugno….anzi per la precisione fino ad inizio agosto😉 . Beh si sapete, nelle università di quasi tutta Europa (tranne in Italia😦 ) gli esami si fanno fino a giugno. Quindi pensate, ho finito gli esami il 14 di giugno e …..da quel giorno fino all’inizio di agosto cosa ho fatto? Bella domanda.

Beh semplice …che dire, non c’è bisogno di dirlo nemmeno, si capisce da se………mi sono gustato l’estate “caliente” catalana con tutto quel caldo, quel bel mare e poi le serate nei locali sulla spiaggia…🙂 Certo se mi dovessi mettere a raccontare tutto, molte cose nemmeno le ricorderi e per il resto non basterebbe lo spazio per contenere aneddoti, foto ecc…. quindi ripoterò qui di seguito alcune dritte utili a chi magari dovrà iniziare questa esperienza da non lasciarsi scappare assolutamente!!

Ragazzi avrete sicuramente sentito i soliti luoghi comuni su Barcelona no? : del tipo non si fa nulla, tutto divertimento, gli spagnoli sono calienti e libertini ma sopratutto gli esami sono più facili … Insomma il paese delle meraviglie. Bene allora mettetevi in testa che tutto ciò è………. assolutamente vero !!! Si un po’ sto esagerando, ovviamente c’è da studiare, ma sicuramente in maniera diversa rispetto che in italia, nel senso che il metodo di studio (esami a crocette) permette di avere più tempo libero, quindi cazzeggiare di più.

barcelona_rambla-049.jpg

La lingua? Vi dico che io non sapevo niente di spagnolo, nè avevo fatto corsi di lingua prima di partire. Ho imparato lì sul posto. All’inizio mi facevo capire con l’inglese, il mio inglese moooolto scolastico (che invece gli spagnoli nn parlano affato…ma gli altri erasmus si); in realtà azzardando qualche parola o un pò a gesti all’inizio ci si fa capire. Il problema è che a Barcelona si parla anche catalano, lingua ufficiale, che assomiglia più a una specie di sardo-francese parlato da un turco, per cui la difficoltà è quella della doppia lingua, ma piano piano riuscirete a capire anche quella. Io sapendo solo dire “hola” prima di partire dopo circa un mese riuscivo a capire abbastanza bene e esprimere qualche concetto sensato.

Altra cosa importante: Non date mai e poi mai dello “spagnolo” ad un catalano, mi raccomando si offendono a morte. Eh si i catalani, per l’appunto, sono un pò freddi e permalosi, integrarsi con loro significa fare grandi sforzi di orgoglio, nel senso di non buttarsi giù se all’inizio ti “snobbano”, ma insistere e avere un pò di faccia tosta… perchè poi una volta legato sono persone splendide.

Consigli utili per i ragazzi :

eh!!!…..volete sapere come sono le ragazze ? Vi dico che Barcelona è la patria delle belle straniere. Le catalane invece non sono poi cosi belle ma, come tutte le spagnole, sono socievoli, simpatiche e non se la tirano. Certo è meglio non fare la “spappagallata”, ma voi sapete bene come dovete fare. Le catalane inoltre non sono prede da seduzione rapida. Sono comunque simpatiche, e farsi una chiacchierata con loro, o tante chiacchierate “preliminari”, non è mai noioso. Comunque tenete in considerazione che gli italiani, malgrado l’invasione dei “soliti” che da decenni “infestano” le coste spagnole, sono tuttora apprezzati. Quindi in discoteca dite che siete italiani e acquistate 10 punti in più. Prima invece ho parlato delle straniere; bene, posso dirvi che sono più disponibili a fare nuove conoscenze. Quindi, quando vedete una straniera, buttatevi senza problemi. Quando parlate, inglese o spagnolo, buttateci dentro anche qualche frase in italiano: fa molto sexy.Perfino alcune pubblicità televisive di profumi seducenti sono recitate in italiano e anche le straniere residenti guardano la tv.

Consigli utili per le ragazze :
Mi dispiace per voi ragazze…ma gli uomini ed in particolar modo quelli catalani non sono il mio campo di studio🙂
1922.jpg

Altre verità su Barca? La citta non dorme quasi mai. Dipende dalle zone, quelle più turistiche sono sempre all’insegna del divertimento organizzando feste Erasmus dove però la lingua principale è l’inglese e si incontrano solo altri Erasmus con tanta voglia di divertirsi, mentre i barcellonesi quindi catalani stanno dormendo nelle loro case….. e sono molto tirchi aggiungerei :……lo dico per esperienza personale, chi ha fatto l’eramsus con me sa di cosa parlo🙂

Andate al carnevale di Siges, non molto lontano da Barcelona. Una piccola cittadina che oltre ad essere famosa per essere la capitale dei gay di Spagna è conosciuta anche per il suo carnevale, uno dei più importanti della penisola iberica. Andate e vi renderete conto come tutti si siano bevuti il loro cervello….

Cercate una “habitacion”? Consiglio un sito utilissimo a chi magari cerca una stanza, si chiama http://www.loquo.com. Nella sezione “compartir habitacion” ci sono annunci di altri studenti che cercano coinquilini.

I locali? ahah …qui ci sarebbe da stilare una lista lunga un chilometro quindi vi elenco in seguito solo quelli più conosciuti. Sarete nuovi erasmus? beh la prima tappa d’obbligo non può che essere la mitica “Ovella Negra” (pecora nera). Punto di incontro di tutti gli erasmus di europa; un locale a due passi dalla Rambla dove potrete gustare e sborniarvi per bene con una delle piu’ buone sangrie di Barcellona. I primi mesi, in genere, ancora non si sa bene dove andare la sera in genere si inizia sempre da li; si ingrana la prima marcia con due bicchieri di sangria e quando si inizia a sparare cazzate per bene significa che è giunta l’ora di andare negli altri locali o discoteche.

Discoteche e locali : Pacha, Catwalk, Maremagnum, La paloma, Baja beach, La discoteque, Magic, Fellini e molti altri ancora……

Ragazzi a parte tutto se vi capita l’occasone prendetela al volo, non fatevela sfuggire, ve ne pentirete amaramente.

Venga……Adeu!!!.

ps. “Venga ….Adeu” saranno le prime parole che molto probabilmante sentirete appena arrivate all’aeroporto…vi chiederete ma cosa mi hanno detto?….No niente se lo chiedono tutti gli italiani che non parlano catalano appena arrivano a barcelona. si capisce….lo scoprirete.

guana.

barcelona.jpg