Andiamo sempre peggio con questo governo. Oramai non c’è più da meravigliarsi di niente. Già da qualche settimana, oramai, si stà parlando di rom e delle loro impronte digitali. Suppongo che molti già conoscano la vicenda.

Si tratta in parole povere di schedare i rom! Si schedare..avete capito bene. Schedare nel vero senso del termine. A me tutto questo mi rievoca qualcosa dal passato a voi no? …Eh si un bruttissimo ricordo per quello che è accaduto settanta anni fa e al quale nessuno, nemmeno i fascisti, ridipinti oggi da Fini dovrebbe mai ritornare. Questo è secondo me, permettetetemelo di dirlo un vero e proprio provvedimento razzista.

Questa quindi è “un’ordinanza amministrativa di ordine pubblico”,  così è stata presentata dal ministro Maroni che ha fatto una cosa che nemmeno lui si rende conto perchè nessuno intorno a lui gliene fa rendere conto.

La norma in sintesi prevede la schedatura dei rom compresi i bambini. Dopo i raid fascisti ( solo così c’è da definirli ) contro i cami rom,  contro un’intera comunità, solo per la sua provenienza, solo per la sua etnia, solo per la sua religione, solo per il suo essere nomade io colpisco indiscriminatamente nel mucchio. Ebbene, lo sappiamo,  questo modo di procedere già lo ha adottato il governo. Il governo ha istituito, poi, un commissariato straordinario per i rom nelle grandi città…ma ci rendiamo conto?…come se si potesse fare un commissario straordinario per gli australiani per i francesi per  quelli che vengono dalla groellandia ecc.. E per finire in bellezza si procede a prendere le impronte solo dei rom.

Io personalmente sarei decisamente favorevole al fatto di prendere le impronte digitali a tutti. Tutti iitaliani e stranieri indistuintamente. Si dovrebbe fare per tutti e non per i rom e basta.  Allora questa si che sarebbe un’ ordinanza di ordine pubblico fatta con i dovuti attributi. Potrebbe essere molto utile per combattere la criminalità ed immigrazione clandestina. Sarebbe una misura di sicurezza e non una misura razzista. Uno straniero allora, in questo caso, verrebbe trattato come un italiano davanti alla legge e un italiano come uno straniero…niente di più semplice e giusto. Ma putroppo le cose non stanno così perchè abbiamo un governo di ladri, razzisti e nazisti. A cominciare dal presidente del consiglio.

Per concludere voglio ricordare che noi, l’Italia è un paese che settanta anni fa ha fatto le leggi razziali. E le leggi razziali erano un’importazione dalla Germania di un razzismo di stato tale che ha provocato lo sterminio di due comunità: la comunità ebraica e la comunità rom.

“Prima di tutti vennero a prendere gli zingari e fui contento perchè rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perchè mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali,  E fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, ed io non dissi niente perchè non ero comunista. Un giorno vennero a prendermi e non c’era rimasto nessuno a protestare”

ciao,

guana.