30 ottobre – sciopero generale

In questi giorni l’Italia intera si stà mobilitando nelle piazze contro il decreto Gelmini e contro il governo. Manifestazione contro la riforma Gelmini, 500.000 partecipanti.
Manifestazione del Pd, per la stessa motivazione, quasi 2 mil di persone!
Molti professori unifersitari in piazza!
Alcuni docenti, e ricercatori , minacciano le dimissioni.

Da quello che di capisce dai dati sembrerebbe che l’italia, quasi tutta , sia in opposizione a questo Governo e al suo presidente che in piazza prende di mira con solgan e canzoni. Io sono del parere che manifestare sia importante soprattutto contro i decreti e leggi pazze del governo. Ma mi sorge un dubbio. Ma tutta questa gente, l’11 aprile di quest anno dov’ era?
Possibile che tra loro si mischino, molti,  che hanno votato questo governo e come sempre lo rinnegano? Ecco questa è una cosa che non concepisco minimamente. Possibile che tanti, la maggior parte (e io mi ricordo così tutte le manifestazioni studentesche a cui ho partecipato), si gettino nella protesta cosi solo per giocare, stile Michael Pitt in The Dreamers di Bernardo Bertolucci? Oggi tantissimi disconoscono di aver votato il governo, ma il 57 % l’ha fatto , e oggi molti sono capaci di negarlo e si trovano in piazza. Non vi sembra un controsenso?

Ragazzi lo sappiamo, il governo è in mano a dei pazzi criminali questo è certo. Stanno rovinado in maniera forse irreversibile l’Italia. Bisogna combatterlo. Va bene. Ma attenzione a manifestare. Vi ricordate lo scorso anno quando la sinistra manifestò contro se stessa? Bene ricordate come, in quell’occasione, la destra prese spunto e ci giocò sopra a questo fatto affossando definitivamente il governo? Utilizzò il potere mediatico delle televisioni per dire di tutto e convinse la maggior parte della gente. Il governo di Prodi aimè precipitò. In quell’occasione forse, dal canto mio, sarebbe stato piu utile affrontare la questione del precariato, ecc.. senza manifestazioni di piazza e magari una riunione tra forza politiche avrebbe portato a dei risultati positivi.

Forse, da questo mio post, si potrà capire che non avrò uno spirito  rivoluzionario, che ne so, il politico non sarà il mio mestiere. Con questo post quindi non è mia intenzione  attaccare quelli che oggi stanno manifestando nelle piazze. Anzi penso che manifestare in questo monento sia piu che necessario. Mi auguro però che gli studenti siano veramente consapevoli di cosa stanno facendo,  e non siano semplicemente attratti dalla piazza spinti da non si sa quale ideale di folla.

“L’insieme dei caratteri comuni imposti dall’ambiente e l’ereditarietà in tutti gli individui di un popolo costituisce l’anima di questo popolo. Ma quando un certo numero di uomini si trova per caso riunito, la osservazione dimostra che, dal solo fatto di questa vicinanza, possono nascere caratteri psicologici nuovi i quali si sovrappongono a quelli della razza, e talvolta differendone profondamente. Il loro insieme costituisce un’anima collettiva potente, ma momentanea.
“Nella storia, le folle hanno sempre sostenuto una parte considerevole, tuttavia mai così immensa come oggi. L’ azione incosciente delle folle, sostituendosi all’attività cosciente degli individui, rappresenta una delle caratteristiche dell’età attuale.”

tratto da “La psicologia delle folle”-  Gustave le Bonn

ciao,

guana


Annunci

11 pensieri su “30 ottobre – sciopero generale

  1. guana Autore articolo

    E’ una dittatura…state facendo delle leggi del tutto anticostituzionali..vergognatevi! Solo per gli interessi di pochi

    Rispondi
  2. Silvio

    Elezioni vinte con larga maggioranza. Piu democrazia di così. Siete voi 4 gatti che andate in piazza a voler imporre ai tanti la vostra volontà.
    Cmq siamo in democrazia quindi anche scioperare è un diritto ma le leggi si faranno lo stesso… e per i prox 4 anni sarà così 😛

    Rispondi
  3. Viviana Fonti

    Caro silvio,
    democrazia non è la legge della maggioranza! Mi stupisco di un errore così grossolano dato che porti il nome di una persona che la persona l’ha ricevuta e come… A me è stato insegnato che la democrazie difendse le minoranze e non le schiaccia. mi è stato insegnato che la democrazia è la tutela di tutti, secondo le idee di molti. Proprio per questo esiste una costituzione: per evitare che la maggioranza schiacci la minoranza. Ciò che lede la libertà di un solo individuo, anche se approvato dal resto dei connazionali, è da considerarsi illegale perchè anticostituzionale, anti-libertà. Ogni bimbo, ragazzo, adulto, anaziano di questa nazione ha DIRITTO ad istruzione tale da renderlo libero, cioè capace di comprendere CON SENSO CRITOCO ciò che gli accade intorno e capace di avere idee PROPRIE, NON INCULCATE. Per questo dobbiamo difendere l’istruzione e la ricerca. Da queste. infatti, dipenderà la libertà della futura generazione. Se la maggioranza di persone non è in grado di capire questo è bene che ascolti le minoranze che cercano di difendere il futuro di tutti.
    Il tuo disorso a una vena molto dittatoriale. A me, la costituzione l’anno fatto studiare sia alle superiori che alle medie. Posso dire allora che l’istruione non è fallimentare dato che mi ha dato la capacità di discernere. Io volgio diferndere questa istruzione perchè se ha dato a me gli strumenti per essere libera volgio che chi viene dopo di me goda degli stessi diritti di cui ho goduto io. Per questo scelgo di protestare. Tu? Davvero hai intenzione di unirti alla maggioranza solo perchè tale?

    Per guana. In parte concorso con quelo che hai scritto e capisco il tuo punto di vista perchè lo condivido. Devi tener conto però che viviamo in un paese dove informazione non c’è o viene manipolata.

    Rispondi
  4. Viviana Fonti

    Reinsericso il commento perchè l’ho confermato per sbaglio prima di rileggerlo (sono maldestra lo so..).

    Caro silvio,
    democrazia non è la legge della maggioranza! Mi stupisco di un errore così grossolano dato che porti il nome di “una persona” che l’istruzione l’ha ricevuta e come… A me è stato insegnato che la democrazia difende le minoranze e non le schiaccia. Mi è stato insegnato che la democrazia è la tutela di tutti, secondo le idee di molti. Proprio per questo esiste una Costituzione: per evitare che la maggioranza schiacci la minoranza. Ciò che lede la libertà di un solo individuo, anche se approvato dal resto dei connazionali, è da considerarsi illegale perchè anticostituzionale, anti-libertà. Ogni bimbo, ragazzo, adulto, anaziano di questa nazione ha DIRITTO ad istruzione tale da renderlo libero, cioè capace di comprendere CON SENSO CRITOCO ciò che gli accade intorno e capace di avere idee PROPRIE, NON INCULCATE.
    Per questo dobbiamo difendere l’istruzione e la ricerca. Da queste. infatti, dipenderà la libertà della futura generazione. Se la maggioranza di persone non è in grado di capire questo, è bene che ascolti le minoranze che cercano di difendere il futuro di tutti.
    Il tuo disorso ha una vena molto dittatoriale. A me, la costituzione l’hanno fatto studiare sia alle superiori che alle medie. Posso dire allora che l’istruzione pubblica non è fallimentare, dato che mi ha dato la capacità di discernere. Io voglio diferndere quest’istruzione perchè se ha dato a me gli strumenti per essere libera, voglio che chi viene dopo di me goda degli stessi diritti di cui ho goduto io. Per questo scelgo di protestare. Tu? Davvero hai intenzione di unirti alla maggioranza solo perchè tale?

    Per guana. In parte concordo con quello che hai scritto e capisco il tuo punto di vista perchè lo condivido. Devi tener conto però che viviamo in un paese dove informazione non c’è o viene manipolata. Se chi ha votato per berlusconi poi ha cambiato idea, non è un a pecora, ma una persona che dentro di se ha fatto un percorso di crescita. Solo le persone mature cambiano idea.
    Se fossi venuto all’assamblea della settimana scorsa avresti ascoltato l’opinione di molte persone che con la ricerca hanno poco a che fare e avresti contribuito a farti un idea meno superficiale della natura di questa protesta. purtoppo siamo persone e quelle facciamo può essere sempre milgiorato: non sarà perfetto. Ci saranno nei e difetti grossi. Ma e melgio fare qualcosa che nulla.

    Rispondi
  5. guana Autore articolo

    Viviana bel commento. Per ciò che ha scritto Silvio nemmeno valeva la pena penso io. Hai fatto bene comunque a sottolineare alcuni concetti che dovrebbero essere impliciti nella cultura di tutti ma che, aimè, oggi non è cosi e bisogna purtroppo ricordarlo e ripeterlo visto che la vera informazione oggigionro sembra che passi solo per la tv anzi non passa per niente. Per quello che riguarda la manifestazione io resto del mio parere…restando dell’idea comunque che manifestare è necessario ma bisogna vedere bene in che modo.

    Rispondi
  6. Viviana Fonti

    Infatti non parlavo della manifestazione ma dell’assemblea, che era informativa…. e ben organizzata. Manifestare è una scelta da accolgiere o meno ma per poter scegliere in libertà occorre essere informati! Io sono dell’opinione che chi è contario al decredto deve fare qualcosa nella misura in cui può e crede giusto… se no, non può definirsi contrario! Cmq, basta parlare per post, sembra che neanche siamo nelle stessa città!

    Rispondi
  7. guana Autore articolo

    si dai…basta. Poi magari quando ci vediamo su in facoltà ci prendiamo a botte per bene :-). Dai scherzo. Ciao vivi!!!!

    Rispondi
  8. francescapstat

    Credo sia importante manifestare il disappunto verso questo nuovo governo che sta cercando di trasformare questo paese in un un tipo di società come quella americana.
    Ho vissuto due anni a new York e ho imparato quali possano essere i problemi di uno stato sulle privatizzazioni e sul capitalismo: Signore settantenni che facevano ancora le cassiere ai supermercati, gente moribonda che veniva lasciata per strada perchè non aveva i soldi per pagare l’assicurazione sanitaria, famiglie che si indebitavano all’inverosimile per pagare le rette altissime delle scuole private, perchè lì quelle pubbliche sono frequentate solo dai neri e non ti assicurano un lavoro.

    Vivo e lavoro a roma e ho due bambini di cinque e due anni, che sono costretta a mandare in asilo fino alle 16,30, col maestro unico, non ci sarà più il tempo pieno nelle scuole pubbliche. Come faranno tutte le persone che come me hanno delle normalissime esigenze di lavoro? A roma la scuola privata fino alle 16, 30 costa come minimo 550 euro al mese. Cosa faranno le persone che non possono permettersi un’uscita simile?

    Penso al futuro dei miei figli ed ho paura delle derive del paese in cui vivranno.

    Rispondi
  9. guana Autore articolo

    Ciao Francesca, guarda che io non ho mica scritto che non è importante manifestare.Anzi, se leggi bene, ho detto, invece, che manifestare è necessario in questo momento e per questi motivi!!. Il mio pensiero era rivolto, però, al fatto che temo che si rischia di ricadere, in qualche modo, in errori del passato quando quella famosa manifestazione favorì la destra contribuendo a fargli vincere le elezioni.
    ciao,
    guana.

    Rispondi
  10. Silvio

    Il comunismo e il fascismo sono storia oggi giorno. Dovete accettarlo,io l’ho fatto voi no.
    Inutile vivere di utopie e fare 1000 discorsi. I fatti sono che questo governo ci sarà ancora per 5 anni e con facile probabilità verrà rinnovato per altri 5 anni.
    Quindi accettatelo o andate a vivere in altri paesi (Cuba e Russia) sperando che la sinistra non si estingua pure li…

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...