Incontro con Genchi e Borsellino all’aula magna della Facoltà di Ingegneria di Ancona.

Ieri sera dalle 15,30 fino alle 19,50 si è tenuto l’incontro con questi due personaggi simbolo di legalità e giustizia che lottano ogni giorno per restituire dignità a questo nostro disgraziato Paese.

Gioacchino Genchi è Vice questore di Palermo e Consulente informatico di Falcone e Borsellino, e come tutti bene sapete Salvatore Borsellino è il fratello di Paolo Borsellino. Gioacchino Genchi riveste attualmente il ruolo di vice-questore di Palermo: è stato ed è coinvolto nelle indagini più scottanti della Seconda Repubblica in qualità di consulente informatico (collaboratore di Falcone e Borsellino, De Magistris ecc..). Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo ammazzato a Palermo il 19 luglio 1992, si dedica attivamente alla sensibilizzazione riguardo il contrasto della criminalità organizzata, malgoverno e collusioni tra politica e mafia.

“Resistenza ! “. Questa è la parola che a gran voce Salvatore Borsellino ha urlato a fine conferenza, con la famosa agenda rossa in mano alzata verso l’alto, come se questo dovesse serveire a rompere il silenzio delle nostre coscienze nella ricerca di verità. Verità su cui aleggiano molte ombre che lasciano spazio solo ad oscuri interrogativi. Via D’Amelio ed il sospetto di una strage di stato costruita con cura da mafia, istituzioni e servizi segreti ne è un esempio.

E’ stato presentato, inoltre, il libro di Genchi: “Il caso Genchi: storia di un uomo in balia dello Stato” di Edoardo Montolli. Penso che sia un bellisimo testo da leggere assolutamente, in quanto , come è stato riferito ieri dallo stesso Genchi, andando avanti con la lettura, vengono a galla i nomi e cognomi. Un materiale del tutto inedito e così scottante da poter riscrivere gli ultimi vent’anni della storia d’Italia: da Tangentopoli alle scalate bancarie, dai grandi crac ai processi clamorosi. Fino alle stragi del 1992 e 1993. Dalle agende di Falcone agli ultimi due giorni di vita di Borsellino, con elementi completamente nuovi che aprono enormi squarci nelle istituzioni. Ma non con teorie o teoremi. Con dati. Fatti. Indagini e amicizie impensabili, uno scioccante dietro le quinte della politica che porta alle origini della seconda Repubblica.

Riporto nel blog alcuni video fatti ieri sera all’incontro all’aula magna di ingegneria:

ciao,

guana.