Archivio mensile:aprile 2013

Konstantin Konstantinovs

Pubblico un’ intervista fatta ad un grande campione del powerling lettone, detentore del record mondiale assoluto di stacco da terra senza attrezzatura ben 426kg! Eseguito nel 2009. Una cosa interessante dell’intervista è che vengono messe in risalto le sue individualità nell’eseguire la panca piana e stacco. Ecco, la maggior parte dei sollevatori se eseguono lo stacco con una schiena tipicamente a C, quindi schiena ricurva,  semplicemente fanno uno stacco di merda. Konstantinovs no, con la schiena a C lui è una bestia e detentore del record mondiale.

Buona lettura.

(Traduzione di Andrea Ferlito)

Immagine

Did you start training as a powerlifter?
At first I did gymnastics (from 6 year old), then judo, then strength training. As a powerlifter I have been training from 16 year old.

As I understand deadlift is your favourite lift?
Deadlift has always been my favourite and best lift. As a 15 year old and at a bodyweight of just slightly over 70 kg, I pulled 215 kg with a horribly rounded back and without a belt. But I like to squat and bench press as well.

How do you train squat?
I squat in every workout. For a long time, I used to do only ATG Oly squat. But now I squat on a box of various heights with bands and I also do a raw powerlifting squat in light knee wraps (I have week knees and I need to spare them). I do a heavy box squat after deadlift: I max out for a single set of 2-3 reps with bands that add 120 kg at the top. Then I take some weight from the bar, and do a set of 7-10 reps. My medium squat is a single set of heavy free squat for 4-6 reps. My light squat is also a single set of free squat.

Your competition bodyweight is at maximum, or still increasing?
I have always had a problem with gaining weight. I am skinny by nature, and gain weight very slowly. But on the other hand, I don’t get fat. In general, I have to fight hard for every kilogram of bodyweight. However, the increase in strength from every additional kilogram is substantial. I need to slowly increase my bodyweight to 135-140 kg. Then I will be really strong. Now my bodyweight is 128 kg, and for my height of 190 cm (6’3), this is too low.

I saw your raw bench press. You have very long arms, but you press with a close grip. Is it a habit? Or pecs injured?
When I was young, I listened to “wise” people who said that grip should be maximally wide – 81 cm. The range is shorter and to press heavier is easier like that. But over time, I understood that this does not work for me. My arms are long, and in the bottom position I was not able to engage muscles of the back. As a result I constantly had injuries of shoulders and pecs. But my close grip bench press has always been good. At 17 years of age, I benched 200 kg with a close grip, but with glutes off the bench. I decided not to think too much about this, and I switched to close grip. After that I had no injuries, no pain and strength has been increasing slowly but constantly. But triceps must be very strong for such benching!

Many say that deadlifting like Konstantinov, with a rounded back, is a straight road to a broken back. How’s your back, any pain?
That I will break my back I heard from as long as I started to deadlift, or for the last 16 years. I have always deadlifted with a rounded back. My legs have always been lagging in development, but results in deadlift have always been increasing. My back is prone to injuries only when I squat with a heavy weight, but when I deadlift, my back remains in the same rounded position throughout the lift, irrespective of whether I can lift the weight or not, and this protects it from injury. But you need very strong abs if you want to deadlift like that.

Could you give an example of your latest training microcycle?

I don’t have a fixed training schedule. All depends on how I feel, and if I feel that I am not recovered that I rest 1-2 days more. If the heavy training did not go as planned, then I do it after 1 day of rest.

Workout 1.
1. Light squat for a warm up.
2. Deadlift. I do a different variant every time I train: rack pulls – 7, 11, 15, 20, 23 cm from the knees (higher than that I never pull). I do either a set of 3 reps or 8-10 depending on how I feel.
3. Bench press. I consider bench press as rest between heavy work. I bench either with touch and go with a medium grip, or with a close grip pausing at the bottom. I might do a single set of 10 reps with touch and go, or might max out pausing at the bottom. It all depends on how I feel and my mood.
4. 2nd deadlift. I pull either from a floor or from a deficit (about 9 cm). I do a single set of 2-3 reps pausing at the bottom. Then if I have enough energy, I might do another set of 6-8 reps.
5. Box squat. Heavy box squat as described above.

Workout 2 (in two days).
1. Medium heavy squat as described above.
2. Heavy bench press for a single set of 3 reps. Once in two weeks: negatives – 1-2 set for 1 rep. Then a single set of 8-10 reps with either close or medium grip depending on how I feel.
3. Cardio – 15-20 min.

Workout 3.
1. Light squat.
2. Medium heavy bench press: a single set of 6-8 reps.
3. Speed deadlift with bands: 8×1. Bands increase weight by 130 kg at the top.
4. Pull ups with weight or bands. ONLY explosively. Very important for my deadlift.
5. GHR, hyperextensions, very heavy abs work (6 sets with emphasis on strength).

Workout 4.
The same as workout 2.
After this the microcycle is repeated.

Do you often do sets to failure? How long do you rest between workouts after heavy bench and deadlift work?
Sometimes I max out for 1RM, but normally I try to have something left in reserve. In deadlift, I max out only in competitions or on special occasions. In bench press, I max out more often, and in the past I liked to do this routinely. Now I save myself for competitions. With box squat, I normally do a maximally heavy set of 2-3 reps, but I might also max out (but not often). After bench press, I recover very quickly because I bench with my arms and muscles only. When I used to use a wide grip, I had pain in ligaments and tendons sometimes for 5 days. Now with a close grip, all of the load is on muscles only, and they recover quickly. With deadlift, the situation is of course different. The heavy deadlift workout (together with a heavy box squat) takes about 4 hours, and after such training the body recovers much more slowly. All in all, a heavy deadlift workout is done once in 13-14 days.

For many people, it is hard to have a job and train at the same time. Do you have such a problem?
I work as a body guard, and I have to fly all over the world, which is interesting and educational. But it’s hard to train like this. I often have to train in hotels and fitness centres where nobody heard about powerlifting. Some times, all I can do is just push ups and squats with a friend on my shoulders in order to maintain muscles somehow. I lose 4-5 kg after each travel. One can forget about eating 5 times a day when working. Some times, all I get is just a breakfast and a couple of protein snacks. It takes me 2 weeks to rest after such travels. But all of this is really not essential, the most important is the wish to train, and if you have it, you’ll find time for training.

How do you prepare psychologically to competitions?
Psychological preparation is very important for me. Especially for the dealift. I would say that I am in a state of a controlled rage, and I am thinking only about one thing: SPEED. When my friends support me, they always shout “speed”.

What do you prepare for right now?
I want to rest a little, and then I will start heavy training again, especially in deadlift. I don’t want to use gear, so I will continue training without it. My next goal is 441 kg deadlift RAW. Many ask me when I am going to beat Andy Bolton’s record. I find this funny. I would be happy to meat him in a competition without gear in a bodyweight class of 140 kg. But I don’t think that Andy will agree to this. Some people can get a lot out of gear, but others – not much. It would be much more simple is everybody competed without gear. Many are tired of all these mega records set in gear. The real strength is not in extracting maximum out of gear. This is my opinion about it.

fonte : http://prudvangar.wordpress.com/2010/11/29/intervista-a-konstantin-konstantinov/

Il record:

http://www.youtube.com/watch?v=wh-ikyBAQr8

Ciao,

guana

Annunci

The big woof

The big woof

Immagine

“Quando si sta per tentare un 270 di panca, le cose possono mettersi male in un baleno. Ho sbagliato per la seconda volta questo peso e qualcosa è andato come non avrebbe dovuto. “Stringi il bilancere” ho pensato, “Lascialo carico con quel peso”. Deve essere stato quel terzo tentativo fallito che ha messo fuori uso la mia spalla. A questo punto dovevo soltanto scoprire se fosse dolorante, danneggiata o fottuta per sempre.

Questo infatti è il modo in cui definisco i tre stadi di un infortunio. Quando fa male, non è un grosso problema. Per un powerlifter o qualsiasi atleta che si allena attraverso lo spostamento di carichi massimali è quasi del tutto normale provare dolore da qualche parte. Nella maggior parte dei casi questo semplicemente sparisce. Quando si danneggia qualcosa è invece richiesto un periodo di riposo e di riabilitazione. Le cose invece cominciano a mettersi male quando vi siete fottuti qualcosa. Generalmente questo è lo stadio quando le cose con il tempo non migliorano oppure infortuni del passato continuano a rifarsi vivi.
Dovevo capire in che stadio versavo.
Negli allenamento seguenti di panca non potevo far scendere il bilanciere senza che provassi dolore. Era come se qualcuno stesse infilandomi un coltello nel collo. Ho provato ad allenarmi
stringendo i denti e con carichi più bassi ma non c’era nulla da fare. Il dolore persisteva. Sapevo di stare nella linea tra “infortunato” e “fottuto”. Dopo 5 mesi decisi di farmi visitare da un medico.
5 mesi senza fare panca e soprattutto senza farla con carichi elevati non era certo una buona condizione; sapevo che si stava mettendo definitivamente male.
Mi dissero che avevo 4 protusioni e un sovraspinato che dovevano essere sistemati. L’intervento era fissato e stavo per andare sotto i ferri (ancora) in previsione di una migliore panca.
Mi chiedevo quanto ci sarebbe voluto per poter tornare ad allenarmi di nuovo; in passato, dopo lo stiramento di un pettorale ci volle più di un anno per battere di nuovo il mio record personale.
Durante l’accettazione in ospedale l’infermiera mi chiese come avessi fatto a farmi male.
Le dissi che era dovuto ad anni di “insistenza”. Vide nel mio file l’altro infortunio e mi chiese se anche l’altro era stato provocato dall’allenamento con i pesi. SI, risposi. A quel punto fece la domanda che in quella fredda camera d’ospedale con indosso solo una vestaglia aperta di dietro non riuscì più a togliermi dalla testa: PERCHE’ CONTINUI A FARLO?
Sorrisi fugacemente e fui accompagnato sulla sedia a rotelle in camera pre-operatoria.
Un intervento chirurgico ti fa sentire come un detenuto condannato a morte. La camera pre operatoria è l’ultimo passo prima di raggiungere la sedia elettrica. L’anestesista mi avvertì che stava per inserire un lungo ago dentro il mio collo. Era il più più lungo ago che avessi visto in vita mia e stava per trivellare i miei trapezi. Normalmente i dottori cercano una breve conversazione mentre ti stanno facendo delle cose dolorose, cosi anche questo mi chiese come avessi fatto a farmi male, e gli risposi.
Finì quello che doveva e disse: “perché continua a fare quello che fa nonostante sia in queste condizioni?”.
La stessa domanda due volte nell’ultima mezz’ora. Ci sorrisi ancora su, ma questa volta la domanda rimase dentro di me. Mentre mi portavano in camera operatoria vidi il chirurgo pronto e nonostante fossi semicosciente ebbi comunque la forza di chiedergli di prendersi cura di me.
Aveva la mia vita nelle sue mani dopo tutto. Mi rassicurò dicendomi che aveva fatto questo intervento un centinaio di volte e non aveva perso ancora nessun paziente. Perso nessuno? Cavolo, non stavo parlando della mia vita ma della mia capacità di fare la panca! Come faceva a non capire quanto fosse importante per me?
Mi dissero di contare al contrario partendo da 10: dieci, nove…ero alla deriva…otto…quella domanda girava nella mia mente…sette….perché faccio tutto questo?…sei………………andato.
…torno in palestra con la stessa domanda nella mia testa. Appena entro, sento un odore tipico del posto; una sorta di mistura di sudore, magnesio e olio canforato, lo stesso odore che trovate in tutte le palestre serie: l’odore del duro lavoro, della sofferenza, della disciplina. L’odore del coraggio. Per un vero pesista questo è l’odore di casa, del posto dove vuole essere. Ho pensato fra me e me: “potrebbe essere questo? Potrebbe essere questo odore il motivo di tutto?
Mentre aspettavo l’apertura della palestra alle 8.30 e mi scaldavo con l’olio canforato, sono arrivati i miei compagni di allenamento. Abbiamo scherzato, raccontato cazzate, fatto scommesse sull’allenamento. Durante il riscaldamento ho pensato se fosse per quello. E’ questo cameratismo con i miei compagni, il motivo di tutto?
Alle 8:30 l’atmosfera della palestra è cambiata da commedia ed amicizia in aggressione e guerra.
Il primo esercizio della sessione è quello più importante. Quello vero, l’alzata nella quale cerchiamo di battere di volta in volta il nostro record, quella per la quale uccidi o vieni ucciso. La musica è stata spostata dalla radio a qualcosa di molto più hardcore. DMX, AC/DC non importa quanto alto il volume. Ho cominciato a sentire il mio battito cardiaco aumentare e salire la voglia di aggredire il bilanciere. Ho visto quello sguardo aggressivo negli occhi di tutti i presenti. Se qualcuno fosse entrato in palestra in quel preciso momento non avendo idea di cosa stesse per accadere, scommetto che dopo un breve sguardo intorno avrebbe alzato i tacchi e sarebbe tornato in un secondo momento. Anche qui ho pensato: Potrebbe essere questo? La musica? Il lasciarsi andare a questa aggressività mirata?
Appena iniziati i movimenti di max effort di quel giorno abbiamo cominciato con dei pesi leggeri per passare poi a quelli “da coraggiosi”. Appena afferrato il bilanciere ho sentito il freddo acciaio tra le mie mani; la marcata zigrinatura ha dato un pò fastidio alle mie mani callose, mani che hanno passato una vita insieme all’acciaio. La sensazione, e l’eccitazione che ne ho ricevuto, è stata quella di passare subito ai pesi impegnativi, i pesi che solo alcuni raggiungono e solo quelli che sanno come sognare in grande ottengono. Potrebbe essere questo? Potrebbe essere la sensazione dell’acciaio il motivo per cui faccio tutto questo? Potrebbe essere l’allenamento sotto il massimo sforzo la ragione per quello che faccio? Potrebbero essere le urla di incitamento ed incoraggiamento dei miei compagni? O lo faccio per la rabbia e l’energia che solo un pesante allenamento con i pesi riesce a sprigionare?
Non appena tutti hanno finito le loro alzate, tocca a me. Dico loro che sono a posto per quel giorno, ma quelle parole continuano a trafiggermi come un coltello nella schiena. “cosa vuol dire, sei a posto? Carica un 25 e vai sotto il bilanciere”. A questo punto ho dovuto accordarmi con l’altro io per portare a termine il lavoro; Dave non è fatto per questo, ma il mio alter ego si. Lo chiamiamo Zippy, e Zippy porta a termine il lavoro quando Dave passa la mano.
Scavando dentro di me ho scoperto che lui ed altre persone si sono avvicinate al bilanciere e la concentrazione sull’obbiettivo ha cancellato ogni altra cosa intorno. Andando sotto il bilanciere ho sentito il cuore battere nel petto e l’aggressività e la rabbia andare ai massimi livelli. Appena staccato ho avuto la certezza che avrei spazzato via quel peso. Potrebbe essere questo? Potrebbe essere un peso che a prima vista è in grado di uccidermi a farmi fare tutto ciò? Potrebbe essere il sangue, le lacrime, il sudore dell’allenamento la ragione per cui faccio quello che faccio?
Ora sono ai nazionali IPA camminando nella zona riscaldamento. Si può sentire l’eccitazione crescere. Borse da palestra sono sparse ovunque. Juniors, masters, esordienti e pro tutti insieme. Lo sport del powerlifting ha posto per tutti e tutti stanno aspettando il loro momento del giudizio, il loro momento della verità. Se mi guardo intorno vedo gli amici che mi sono fatto nel corso di tutti questi anni e nuovi amici che ho conosciuto solo oggi e ancora mi chiedo se può essere per questo. Potrebbe essere che amo il ferro più di me stesso la ragione per cui lo faccio?
Ora sono in gara, nella zona riscaldamento, in attesa. Questo è il giorno per il quale ti sei allenato, il momento che ancora una volta, nessuno può portarti via e che mai potrà essere sminuito. Per un lifter questo è il momento dello splendore, il momento che determina se il lavoro fatto in palestra è stato fatto bene o no. Se non hai fatto bene i tuoi compiti, questo ti servirà come monito per quando le cose non vanno come devono; una lezione che può solo farti bene per il futuro.
Sono pronto adesso, ho solo un lifter davanti a me che si sta fasciando e sistemando per un grande squat. Io sono pronto per questa prova? La mia mente è nel posto giusto? Sono accerchiato da una mistura di incitamento e aggressività pura. Chiamano il mio nome ed è il momento di mettersi in moto. Qui è dove voglio essere. Questo è ciò per cui mi alleno. Ora dipende solo da me, nessuno può sollevare il peso per conto mio. La paura non è contemplata. Questo è il giorno in cui si sputa in faccia alla paura. E’ ora di far scorrere la rabbia.
Il peso mi ride in faccia appena mi appresto ad andare sotto al bilanciere, ma sembra leggero. Il gioco è già finito. So già chi sarà il vincitore oggi. Due secondi più tardi, con il naso pieno di sangue e le stelle negli occhi, metto il bilanciere sul rack e tre luci bianche si accendono. Un nuovo Record personale. Un peso che solo pochi anni fa sognavo di fare. Potrebbe essere questo? E’ questo il perché?
…qualcuno chiama il mio nome ancora, e ancora…e ancora. Il dottore.
Sono nella stanza di rianimazione con la mente obnubilata. Più tardi sulla via di casa, la risposta alla domanda mi colpisce come una tonnellata di mattoni: Io faccio questo, perché questo è quello voglio fare.
Non è la puzza della palestra, sono stato in molte e le amo tutte e non tutte hanno la stessa puzza. Non sono i miei compagni di allenamento. I compagni vanno e vengono. Non è il freddo acciaio del bilanciere; alcuni sono più spessi di altri, alcuni hanno meno zigrinatura mentre altri sono lisci da morire. Amo la sensazione che tutti danno.
Non è lo sforzo e non è la musica in palestra. La musica cambia col tempo ma la passione rimane la stessa. Non sono i vecchi e nuovi amici che incontriamo alle gare. Gli amici vanno e vengono, gli atleti lasciano e abbandonano lo sport. Non sono i record personali che vengono stabiliti in gara. Se questo fosse il motivo avrei lasciato già da tempo. In 20 anni di competizioni penso che ci saranno stati solo tre gare, nelle quali ho battuto dei record personali in ogni alzata.
Allora cos’è?
Perché faccio quello che faccio? Non è una cosa o un momento. E’ l’intero “processo” per il quale ho questa passione. E’ tutto li. Lo amo tutto nel suo insieme, ed è per questo che lo faccio.
Venti anni fa, un ragazzino tredicenne prese in mano una copia di powerlifting USA e sognò di avere il proprio nome fra i primi 10 in quelle pagine. In quei giorni la passione ebbe inizio e cominciò la sfida. Venti anni più tardi quel ragazzo non ha abbandonato i suoi sogni d’infanzia e ha messo un suo totale nei primi 10.
Quando qualcuno vi chiede perché fate quello che fate, sogghignate. Noi facciamo quello che facciamo perchè questo è ciò vogliamo fare. La nostra passione ha costruito il nostro carattere, ed il nostro carattere ci definisce come persone. Non perdete mai la vostra passione.”

Dave Tate

By Dave Tate  (Tradotto da EnricoPL)

ciao,

Guana

Grillo, un dittatore della Rete

grillo3-400x266

di Fabio Chiusi


Un ex giornalista del ‘Fatto’ scrive un libro durissimo contro il fondatore del M5S e il modo in cui ha usato Internet: «Scientifico», dice, «ma soprattutto ingannevole e antidemocratico»
(13 febbraio 2013)

Altro che «ognuno vale uno». Ma quale «democrazia diretta». La gestione del duo Beppe Grillo-Gianroberto Casaleggio ha fatto del MoVimento 5 Stelle una «proposta a tratti autoritaria», che si regge su una «ideologia totalitaria» fondata sul mito di una rete sempre e comunque salvifica, portatrice di verità, uguaglianza e meritocrazia. E che si traduce, nella realtà dei fatti, in raffinate tecniche di manipolazione del consenso e delle conversazioni online; in «marketing digitale», propaganda; e in epurazioni, da Giovanni Favia e Federica Salsi a Valentino Tavolazzi, trattato «come i dissidenti nella Russia dei Gulag».

E’ questa la tesi principale da cui si snoda l’articolato ragionamento su cui si regge ‘Il lato oscuro delle Stelle’ (Imprimatur, pp. 288), un testo che rappresenta per l’autore, Federico Mello, una svolta radicale in senso ‘tecno-scettico’.

L’ex giornalista del ‘Fatto Quotidiano’ e di ‘Pubblico’ lo dice fin dall’inizio: è passato il tempo delle analisi incantate delle dinamiche di auto-organizzazione ‘dal basso’ del Popolo Viola (contenuta in ‘Viola’, Aliberti), degli attivisti di Occupy Wall Street o della ‘primavera araba’. Oggi Mello inserisce la critica, durissima, al MoVimento di Grillo, nell’orbita di una riflessione a più ampio raggio sul rapporto tra Internet, propaganda e formazione del consenso.

Così, se un tempo «la convinzione alla quale mi appoggiavo», confessa, «era che il mezzo digitale fosse di per sé portatore di una nuova era di libertà e apertura del mondo», oggi l’autore – attingendo a piene mani dall’impalcatura teorica di ‘The Net Delusion’ di Evgeny Morozov – scrive che «la discussione on line tra sconosciuti non funziona», che «il web è inquinato». Da cosa? «Da profili falsi, troll, identità fantasma, algoritmi utili per vendere di tutto, così come da idee da veicolare come verità assolute».

E il MoVimento 5 Stelle, per Mello, ne è la dimostrazione vivente. Il tutto è pianificato in modo certosino, argomenta il giornalista, a partire soprattutto da un testo del figlio del ‘guru’ di Grillo, Davide Casaleggio, datato 2008. In quel volume, ‘Tu sei Rete’, è contenuta la «teoria generale che tiene in piedi il M5S»: «La chiave di questa teoria», spiega Mello, «è che gruppi di persone che si auto-organizzano e si mettono in Rete tra loro risultano estremamente efficaci nel divulgare un messaggio. Il segreto, però, è indirizzare questa auto-organizzazione muovendo una serie di leve».

Leve che permetterebbero al duo Casaleggio-Grillo di prevedere i meccanismi di potere e influenza nei diversi gruppi locali, e far avanzare i fedelissimi a discapito dei non ortodossi. Una visione secondo cui gli attivisti sono comunque «formiche». La metafora è dura, ma per l’autore regge: «Le formiche non devono sapere di essere tali, non devono conoscere le regole del formicaio: la natura farebbe venir fuori comportamenti non in linea con ‘l’interesse generale’ della Rete e con l’obiettivo deciso a monte». E a tavolino.

Di tutto questo l’ex comico e l’esperto di marketing, scrive Mello, si servono per tenere le redini di una formazione politica in cui non c’è «più spazio per nessun tipo di pensiero critico». Con benefici annessi. Per esempio, a seguito dell’impegno sottoscritto dai candidati riguardo i «gruppi di comunicazione» per i parlamentari ‘grillini’. «Grillo e Casaleggio», si legge, «facendo firmare quell’impegno ai loro candidati, hanno obbligato chi verrà eletto in Parlamento a delegare a loro due la gestione di quei fondi. Parliamo di somme ingenti», prosegue Mello. «Visto che lo stesso Grillo prevede l’elezione di ‘circa cento parlamentari’ potrebbero arrivare anche a 5 milioni di euro ogni anno». Ciò significa che «Grillo, e soprattutto Gianroberto Casaleggio, avranno fondi ingentissimi per installare i propri uomini a Roma (qualcuno dello “staff”?) che possano controllare da vicino i parlamentari eletti e in grado di portare alla massima potenza la guerra digitale grillina. E il tutto, la beffa finale, con fondi pubblici, gli stessi da sempre nel mirino del Movimento 5 Stelle».
Ancora, Mello scrive che anche il tanto decantato programma, lungi dall’essere steso in modo collaborativo su Internet (e del resto, la più volte promessa piattaforma in stile Liquid Feedback è rimasta lettera morta) «se lo sono scritti da soli alla Casaleggio Associati». Possibile? Secondo i calcoli di Mello, rispetto alle proposte avanzate con le «primarie dei cittadini» del 2006 «sono 99 le proposte rimaste identiche, 4 si sono aggiunte e 3 sono state modificate».

Rigoroso nell’esposizione dei fatti, il testo sembra risentire della radicalità della svolta nel pensiero dell’autore. Perché certo, i problemi di democrazia interna nel MoVimento non sono mancati e non mancano, ma ricorrere a riferimenti a regimi totalitari, presunte «dittature digitali» e soprattutto a infelici paragoni con i dissidenti finiti nei Gulag sotto il tallone di ferro sovietico appare quantomeno eccessivo: nei regimi totalitari chi critica il potere finisce in carcere o al cimitero, non candidato in Rivoluzione Civile come l’ex grillino Favia. «Il discorso, come si evince dal testo, è più ampio e complesso», replica Mello. «Però indubbiamente nel MoVimento 5 Stelle vedo una deriva autoritaria».

Ancora, se Grillo avesse deciso davvero di fare politica per semplice marketing di se stesso (e dunque per fare soldi), non si capisce bene per quale ragione non avrebbe potuto continuare ad accontentarsi dei suoi spettacoli. «Intendiamoci bene», risponde l’autore, «i soldi, anzi meglio, il business, conta. Casaleggio Associati è un’azienda, non una onlus. Ciò detto penso che ci sia anche altro: c’è un obiettivo egemonico rispetto alla Rete italiana. Così come Mediaset si è imposta come monopolio televisivo negli anni Ottanta, ritengo che identico obiettivo abbia Casaleggio oggi sul web». Obiettivo, prosegue, «già in buona parte raggiunto».

Eppure, a prendere alla lettera la visione che Mello ha del business politico di Casaleggio, svariati ‘influencer’ sono rimasti nettamente contrari e critici del MoVimento. E l’idea stessa di poter imporre una sorta di monopolio sull’influenza in rete, per quanto coerente con l’idea del M5S come realizzazione dell’«incubo di Orwell» (il romanzo distopico ‘1984’, ndr) sembra ancora del tutto incoerente con l’immagine frammentaria e la marginalità dell’opinione pubblica online in Italia. Perché sì, ci sono il ‘big data’, la ‘sentiment analysis’ e le metriche di ogni foglia si muova sui social media. Ma che questo comporti consenso effettivo resta da dimostrare.

Soprattutto, resta da dimostrare che sia proprio questa «egemonia», ottenuta tramite la manipolazione online, a fornire la reale fonte del consenso di Grillo. I sondaggi, al contrario, non sono mai stati tanto bassi quanto durante le polemiche per le «parlamentarie» online; e, forse non a caso, hanno ripreso a salire quando il comico ha ripreso a battere l’Italia, piazza dopo piazza, macinando chilometri in camper.

Eppure nel volume la questione della democrazia digitale diventa non solo la chiave esplicativa per comprendere il fenomeno Grillo, ma anche e soprattutto il motivo per individuare un momento in cui «tutto è franato». Errore di valutazione? «Agli elettori Cinque Stelle gli scontri interni non importano, molti neanche sanno chi è Casaleggio», risponde Mello. «Loro votano Grillo, non i singoli candidati a Camera e Senato. A chi voterà Cinque Stelle, probabilmente, importa ancora meno cosa pensa Grillo della Rete. Ciò detto, se lui e Casaleggio non avessero promesso di creare un partito orizzontale, ‘leaderless’, non avrebbero raccolto l’adesione degli ‘innovatori’, i primi militanti fondamentali per far crescere il progetto. Se avesse spiegato che voleva un fan club, non sarebbe andato da nessuna parte».

Da ultimo, c’è la domanda che le racchiude tutte: se non si fosse comportato da ‘garante’ del MoVimento, se Grillo non vi avesse impresso le proprie regole di fondo, non ci avesse messo la faccia e non avesse gestito con il pugno di ferro i momenti critici, non è che il M5S avrebbe fatto la fine degli altri movimenti auto-organizzati su Facebook e Twitter, senza leader, ‘dal basso’?
In altre parole, la scelta sembra essere tra una gestione accentrata (con inevitabili accuse di ‘autoritarismo’) ma efficace e una ‘liquida’ ma che si traduce presto in conflitti interni perfino più dirompenti e, in poco tempo, alla disgregazione.

E’ quanto è successo, per restare entro i confini nazionali, al Popolo Viola (accuse di ‘dittatura’ comprese: all’epoca si trattava dell’enigmatica figura di San Precario, gestore della pagina Facebook del movimento) che Mello conosce bene. «Può essere», risponde, «ma a questo punto, mi chiedo, non era meglio tenerci la cara democrazia rappresentativa piuttosto di questa ‘democrazia diretta’ che è in realtà ‘diretta’ sì, ma da uno solo, anzi due?».

https://www.swas.polito.it/services/Rassegna_Stampa/dett.asp?id=4028-169782506

Dittatura INTERNET

DI FABIO CHIUSI da l’Espresso 11 aprile 2013

Tecnologia RETE E POLITICA COLLOQUIO CON EVGENY MOROZOV
L’ideologia del Web è totalitaria. Ci fa credere a soluzioni semplicistiche. Dettate da algoritmi e subìte senza vaglio critico. La tesi di un guru
L’idea fondamentale degli innovatori di Silicon Valley, e degli intellettuali che se ne fanno interpreti, è che la tecnologia serva a renderci migliori, e non possa che renderci migliori. Bando alla complessità: i problemi si possono risolvere sempre, e in un numero finito di passi, con un algoritmo. Che si tratti dell’obesità o dell’insonnia, dei deficit di memoria o di democrazia, di creare un piatto da chef per una serata romantica o ridurre il crimine, c’è sempre una risposta. E al centro di ogni risposta c’è «Internet», scrive lo scienziato politico di origini bielorusse Evgeny Morozov nel suo nuovo libro (“To Save Everything, Click Here”, in uscita in lingua inglese). O meglio, una sua versione idealizzata che riduce un complesso di tecnologie e strutture fisiche, risultato di compromessi e battaglie politiche, a un’entità immutabile e inscalfibile il cui destino è necessariamente guidare il progresso dell’uomo e della società umana. Un Moloch dotato di leggi sue proprie, affini a quelle di natura, e le cui parole d’ordine sono trasparenza, apertura, condivisione, partecipazione, disintermediazione. Dopo aver chiamato la prima ideologia (c’è sempre una risposta esatta) «soluzionismo» e la seconda (la Rete è sempre la risposta) «Internet-centrismo», Morozov mostra che perfino quei dogmi apparentemente innocui vanno messi in questione. Perché, in certi casi, «possono ridurre il processo democratico a finzione», scrive. E la corsa a farne il massimo utilizzo nella gestione della cosa pubblica o nella nostra vita di tutti i giorni potrebbe rivelarsi «proibitivamente costosa nel lungo periodo». Il prezzo, argomenta Morozov, è niente meno che la nostra stessa umanità. Perché al cuore del combinato disposto delle due ideologie che ci impediscono di fare una buona storia della tecnologia, e soprattutto di usarla al meglio per promuovere riforme reali e non di facciata, c’è una volontà di perfezione che atterrisce, soprattutto per la mancanza di spirito critico con cui viene affrontata. «Imperfezione, ambiguità, opacità, disordine e l’opportunità di sbagliare, peccare» sono «parti essenziali della libertà umana», si legge nel volume, e qualunque tentativo di eliminarle la cancella. Sia tramite l’utopia di un governo del popolo tramite «la Rete» o misurando ossessivamente tutta la nostra vita per correggerla (è il caso dei cosiddetti «datasexual», che barattano l’identità con le moli sterminate di dati che producono su loro stessi), il rischio è attuale, perché si parla di progetti e fenomeni in corso. E senza che l’opinione pubblica abbia ben chiaro che «un ambiente sociale perfettamente controllato» renderebbe da ultimo «il dissenso non solo impossibile, ma perfino impensabile». Per questo Morozov, nelle ultime pagine, scrive che il monito del libro è in realtà un elogio dell’imperfezione: «In parole povere, questo volume sostiene che il perfetto è nemico del buono, che a volte il buono è buono abbastanza e che, indipendentemente da quale strumento stiamo tenendo in mano, queste due affermazioni reggono». Una critica, feroce ma argomentata attraverso un uso straordinariamente disinvolto (per un classe 1984) della storia del pensiero (dal design all’epistemologia passando per le fondamenta della teoria economica), che investe tutti i grandi nomi della rifiessione sulla tecnologia: da Jonathan Zittrain a Jeff Jarvis, da Clay Shirky a Steven Johnson. E che non risparmia i proclami e le velleità civili di Mark Zuckerberg ed Eric Schmidt. A dirla tutta, non è sempre ben chiara la relazione tra le due ideologie dettagliate nel libro. L’autore concorda: «Ma in sostanza», spiega Morozov a “l’Espresso”, «è molto semplice: il nostro atteggiamento verso Internet specie l’idea che la Rete sia unica ed eccezionale, come già si era detto per la stampa – consente a molte idee “soluzioniste” di procedere senza alcun vaglio critico». Invece, argomenta Morozov, è tempo di abbracciare un «approccio post-Internet», che vada oltre la retorica del libero Web smascherata nel libro precedente (“L’ingenuità della rete”, Codice) e dunque ampli la rifiessione dal nonsense delle rivoluzioni fatte a colpi di tweet all’intero spettro della politica. Chiedendosi sempre quali conseguenze abbiano gesti apparentemente innocui come utilizzare l’open data per combattere il crimine cittadino, posizionare sensori di riconoscimento nei parcheggi pubblici o nei cestini dell’immondizia o sedurre gli astensionisti al voto ricompensandoli con badge e altri premi in stile Foursquare. Tutto ciò è possibile solo «documentando come queste tecnologie vengano prodotte, quali voci e ideologie vengano ridotte al silenzio nella loro produzione e diffusione»; e mostrando come troppo spesso la rifiessione che ce le dovrebbe spiegare somigli a una comoda giustificazione per le aziende pubblicitarie che vogliano trasformare il cittadino in consumatore – e nel nome del bene collettivo, non del loro. Una volta aperto lo sguardo alla concretezza della storia, si scopre che non c’è nessuna unicità o «rivoluzione digitale» (l’autore lo chiama «epocalismo») nella nostra era. E che i veri conservatori stanno proprio a Silicon Valley, che di quel pensiero è la culla. «Le loro soluzioni sono aggiustamenti», ci spiega Morozov, «che finiscono per promuovere riforme di corto respiro, regressive». Per questo poco importa che «molti “innovatori” si dicano “liberal”»: se la tecnologia diventa il nostro risolutore di problemi per definizione, se a decidere è un algoritmo di cui abbiamo imparato a non chiedere la ratio o a dimenticare che è scritto da esseri in carne e ossa per altri suoi simili, «finiamo per accettare norme che dovrebbero essere soggette a costante scrutinio e revisione». Invece la sudditanza a «ciò che vuole Internet», per parafrase Kevin Kelly (tra i bersagli preferiti di Morozov), va sostituita con una rinnovata priorità alla filosofia morale e al suo armamentario concettuale. Per comprendere che non sono le norme e i comportamenti umani a doversi piegare al progresso, ma viceversa; e capire come, e per quali ragioni, caso per caso. È un afflato umanistico che riporta alla mente “Tu non sei un gadget”di Jaron Lanier (un capitolo si chiama “Gadget intelligenti, umani stupidi”), solo con un senso di urgenza non percepibile tra le pagine del pioniere della realtà virtuale. «È tempo di opporsi, e di farlo ora piuttosto che tra dieci anni», conferma Morozov. L’idea che il pubblico potrebbe non essere pronto o semplicemente non curarsene non lo scalfisce: «Non chiedo che ogni cittadino smetta di fare ciò che sta facendo e prenda a leggere Latour», dice. «Anzi, suggerisco spesso il contrario: per esempio, che si debba delegare agli esperti. Ma questo non significa agire come se tutti fossero idioti. Se così fosse, si potrebbe governare la Repubblica come voleva Platone». Il pensiero di nuove forme di totalitarismo, tuttavia, sembra preoccupare realmente l’autore. Nonostante il libro manchi di qualunque tipo di catastrofismo, una radice anti-utopica pervade il resoconto di quelle che ormai sono tecnologie di tutti i giorni, dalla «condivisione senza attrito» di Facebook alle applicazioni del riconoscimento facciale. E, domani, alla realtà aumentata («ma intellettualmente diminuita»?) e alle auto che si guidano da sé di Google. Morozov invita a fermarci, considerare se i problemi e le soluzioni proposte da Silicon Valley siano a misura d’uomo o di multinazionale e, soprattutto, se siano davvero problemi. Il proposito di discutere approfonditamente di tutto è in parte altrettanto utopico e soprattutto incompatibile con i tempi della contemporaneità. Ma l’invito a riconsiderare le fondamenta stesse della nostra convivenza tecnologica, a partire dal porsi la domanda se «Internet» debba poter addirittura scomparire per favorire un reale progresso della civiltà umana, è un merito che consegnerà questo giovane pensatore alla storia che con tanto ardore ci chiede di rispettare.
Troppa trasparenza può ingannare

Una delle ipotesi più dirompenti del libro di Morozov è che in alcuni casi l’opacità abbia più valore per la collettività della trasparenza e dell’apertura (“openness”) che la classe politica e intellettuale di oggi sembrano assumere come dogmi indiscutibili. Webcam per monitorare il corretto esito delle elezioni? Bene, ma non se a installarle è il governo di Vladimir Putin per legittimarsi agli occhi degli Occidentali. Banche dati sulla spesa pubblica accessibili senza fatica? Utile, a meno che qualcuno non intenda farvi ricorso per manipolare l’opinione pubblica a colpi di software: ed ecco, come a Bahia Blanca in Argentina, che inserire un passaggio intermedio per assicurarsi sia un umano e non un bot ad accedervi diventa un valore, non un limite. Ancora: se rimuovere dai motori di ricerca nomi di testimoni e membri della giuria in processi pubblici è male per Google o l’Huffington Post, si chiede Morozov, «perché dovrebbe essere unicamente il loro benessere, a stabilire il corso delle politiche pubbliche?».

tratto da fisicamente.net

articolo di  Fabio Chiusi

ciao,

Guana