IO ME E GUANA

UN BLOG LAICO IN STILE BIBLICO

Io, Me e Guana

La trinità

Dopo Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno; il Bello, il Brutto, il Cattivo e Grazia, Graziella e grazie al C… beh  non siamo volgari almeno nella pagina di presentazione. Insomma, dopo le tre Grazie, ci siamo noi: Io Me e Guana.

Come inizio di presentazione non è che sia proprio il massimo. Cercherò di recuperare un po’.

“Io Me e Guana” è il titolo del blog. Guana ovvero  l’autore del blog, Daniele,  nato nel lontano, o diciamo anche.. vicino, 1982 ad Avigliano Umbro in provincia di Terni.

“Io, Me e Guana” – Riferisrsi a  se tesso in terza persona.. Titolo inspirato a seguito dei primi segni di una personalità schizzofrenica?  Direi proprio di no. Almeno spero! Diciamo che nel blog vengono trattati, in maniera più o meno frequente, argomenti riguardanti principalmente la politica, l’informatica, lo sport, notizie varie, pensieri e aneddoti di vita privata;  insomma quello che mi passa per la testa. Una bella valvola di sfogo. Quindi, se il titolo del blog vi suggeriva una mente perversa e pericolosa, avrete modo di ricredervi.. o forse confermare il vostro pensiero.

Scrivo nel blog principalmente perchè mi gradifica sapere di appartenere, con qualcosa di personale, a  questo mondo virtuale, insomma avere voce in capitolo. Il blog  mi permette di ottenere delle piccole soddisfazioni, conoscere gente nuova e conforntarsi su idee di svariato tipo.

Considero questa nuova maniera di interazione fra le persone una vera e propria rivoluzione. E’ bello, ed è sicuramente utile, sapere che un tuo articolo potrà essere letto da chiunque in qualsiasi parte del mondo. Una sorta di messaggio nella bottiglia lanciato nel mare. Il blog; uno strumento potentissimo che perfortuna molte persone già stanno utilizzando al meglio. Dico perfortuna, sì perchè per mezzo della rete è possibile scrivere le cose come stanno, ci si può informare sui Fatti e quindi  non farsi fregare le caramelle sotto il naso. Per mezzo di internet la gente può aprire la mente e non prendere tutto per buono.

Facciamo ad esempio riferimento alla tragica situazione politica e a come questa sta riprogrammando le mente della società italiana. Ecco senza la necessità che vi spieghi più di tanto si capisce subito che ci sarebbe bisogno di una vera e propria fonte di informazione con la quale difendersi dal regime.

Tv, Tg e molti giornali oramai sono diventati strumenti necessari al regime politico per manovrare a suo piacimento la vita delle persone. Insomma stiamo diventanto tutti della marionette viventi senza saperlo.  Cosa ci può salvare quindi? La rete. Un mondo virtuale, indipendente SENZA CONTROLLO e  soprattutto libero.

Comunque, l’informazione, quella con la I maiuscola, dovrebbe essere fatta da veri giornalisti. Quindi  è anche vero che nei blog si può trovar scritto di tutto e di più, anche notizie non proprio attinenti alla realtà, ma in questo periodo,  questo piccolo particolare si potrebbe anche trascurare vista la tragica situazione di monopolio informativo (e/o dittatura, come la volete chiamare..)  in cui ci troviamo. La rete, insomma, rappresenta l’unico vero mezzo per cambiare veramente le cose. L’unica cosa che c’è rimasta è una vera e propria rivoluzione. Bisogna alzare la testa! Basti pensare alla giornata del No B Day, e alla tanta gente accorsa a Roma per manifestare liberamente e tutto solo ed unicamente grazie ai blog. A mio parere già questo evento rappresenta una sorta di rivoluzione.

 

Perchè questo blog? – Sinceramente non so perchè circa un anno e mezzo fa mi venne in mente di aprirlo. Ma come ho detto prima, penso che comunque l’espandersi di questa maniera di fare informazione (definiamola così alternativa a quella tradizionale) sia purtroppo molto importante al giorno d’oggi. Dico purtroppo perchè, come sicuramente vi sarete resi conto, l’informazione proveniente dalla tv e da molti giornali si sta trasformando in una sorta di disinformazione.
La verità viene filtrata a piacimento e soprattutto per convenienza.  Con i blog tutto questo non avviene, l’infomazione circola liberamente e senza freni.
Sinceramente non so ancora per quanto tempo  questo sistema possa durare. Speriamo più a lungo possibile. Per quanto mi riguarda non posso certamente catalogare questo mio misero spazio virtuale tra quelli che contribuiscono a divulgare l’Informazione ma penso che comunque solo il tentare di fare qualcosa contro questo sistema politico corrotto sia un buon passo avanti.

Dati personali: Daniele, 12/02/1982 ad Avigliano Umbro (Terni). Vivo in Ancona

Contatti: messenger – danielsan1982@hotmail.it / skype – daniele_12_02_82 / Università Politecnica delle Marche (ing. informatica) – Ancona

Per il momento abito qua:

an2.jpg

Annunci

19 pensieri su “IO ME E GUANA

  1. daniele

    ciao guana,
    o meglio daniele come me!!!!
    ho visto la tua registrazione sul mio sito, pertanto ho visto che anche tu ne avevi uno e sono corso qua a vedere…molto molto carino e ben strutturato!!!
    davvero sono rimasto contento anche del tuo commento, ma come hai fatto a giungere sul mio sito?
    piacere di conoscerti e d’ora in poi visiterò il tuo blog più spesso, anzi mi piacerebbe aggiungerti tra i link utili da visitare e lo stesso potresti fare te, cosi potremmo pubblicizzarci a vicenda.
    in attesa di tue notizie ti saluto .
    daniele perello

    Rispondi
  2. guana Autore articolo

    ciao, grazie mille!!
    Tempo fa stavo ricercando notizie sul metodo BIIO e mi sono ritrovato a leggere un tuo post sull’argomento. Comunque adesso ho comprato il libro di Tozzi suppongo tu lo conosca.
    Certamente organizzerò uno spazio per i link utili così potrò inserire il tuo blog molto interessante. Ho notato inoltre che pure che per ciò che riguarda la politica abbiamo idee molto vicine. Mi fa piacere.
    Un saluto
    Guana.

    Rispondi
  3. DONATO

    Carissimo Guana
    ho letto con attenzione la ricerca riguardante il confronto fra i due sistemi operativi Win xp e la distrib. Ubuntu ecc…
    Devo dire che il lavoro svolto evidenzia un impegno e una professionalità che chiaramente con il tempo deve essere consolidata specie quando occorre fare delle valutazioni obiettive e congruenti come quelle in termini di affidabilità e performance fra diverse realta’ dei sistemi operativi analizzati.
    Per inciso Le consiglio di utilizzare in seguito metriche statistiche come l’analisi delle componenti principali, le correlazioni canoniche oppure le analisi discriminanti ecc… Sono tutti metodi fattoriali e di riduzione che in uno spazio ad n dimensioni R^n (con caratteri sia qualitativi che quantitativi) consentono in un opportuno piano (detto principale) di valutare situazioni complesse come quella riguardante il confronto fra Win Xp e Ubuntu….
    Solo cosi’ vedra’ che la comunita’ scientifica potrà apprezzare il lavoro da Lei svolto e … trovera’ meno saccenti e criticoni.
    La saluto e buon lavoro

    Prof Osvelli Donato

    Rispondi
    1. ANTONIO ALTAVILLA

      Caro Donato, non so se ti ricordi di me, ma abbiamo vissuto qualche tempo insieme all’Annunziata di Napoli.
      Ho una foto di quei tempi che vorrei mandarti.
      Se sei tu fatti vivo
      A presto
      Antonio Altavilla

      Rispondi
  4. guana Autore articolo

    Grazie dei consigli che comunque ritengo davvero utili.
    Solo una precisazione: Il lavoro è stato svolto in ambito universitario e più precisamente in relazione al corso di Sistemi Operativi della laurea magistrale di Ingegneria Informatica. Il lavoro è stato valutato col massimo dei voti.
    Lei ha evidenziato, leggendo il mio articolo, la presenza di una professionalità che comunque va consolidata. Sono pienamente daccordo.
    Dal suo commento deduco che lei o lavora nel settore o è un professore. Quindi le chiedo; è normale che un lavoro a livello universitario debba presentare delle lacune a livello professionale? Secondo lei il problema è dell’università di oggi che non prepara in modo adeguato o ciò che viene richiesto è sufficiente per avere una buona preparazione di base e iniziare al meglio il mondo del lavoro?

    Rispondi
  5. nadia

    Ciao Guana!!! Bellissimo sito… la foto d’Ancona mi suscita un pò di nostalgia, ma spero mi ospiterai qualche altra volta per farti perdonare… Baci, baci!!!

    Rispondi
  6. guana Autore articolo

    ..e che ci vuoi fare..nessuno è perfetto. Comunque, vediamo un po se ti posso ospitare….sai com’è ..la lista è lunga… mah…. in via del tutto eccezionale… per le idee politiche posso anche chiudere un occhio…un bacio!

    Rispondi
  7. marco bondi

    ciao guana.
    ho letto una tua risposta di qualche mese su fa su un blog relativamente agli Assistenti Virtuali (http://im.digitalhymn.com/2008/03/06/architetture-per-assistenti-virtuali-emozionali). Io lavoro in università e mi piacerebbe sperimentare in alcune segreterie l’affiancamente di un AV, ma non conosco sinceramente queste tecnologie e trovo in difficoltà nel capire se le soluzioni commerciali sono adeguate in termini sia economici che tecnologici. Spesso mi sembrano piu’ discorsi che fatti……

    Hai poi trovato qualcosa di opern source degno di nota ?
    Quale strada hai seguito per il tuo progetto ?
    Avevi preso in considerazione una soluzione “commerciale” , almeno dal punto di vista tecnico/tecnologico ?

    grazie e buon lavoro

    marco bondi (univ. milano-bicocca)

    Rispondi
  8. guana Autore articolo

    ciao, io sono dell’università politecnica delle marche di ancona. In effetti c’è da dire che per quanto riguarda il mio lavoro (Assistente virtuale online) mi sto trovando abbastanza in difficoltà per il fatto che di codice open source online se ne trova veramente poco o comunque si tratta sempre di chatterbot veramente troppo semplici e poco modificabili. Il mio lavoro inizialmente consisteva nel trovare codice online opensource.Dopo varie ricerche mi sono accorto che l’unica strada percorribile per un un miglior riutilizzo del codice è “ProgramD” di AliceBot. Si tratta di una chatterbot puramente scritta in java. ProgramD utilizza una base di conoscenza in AIML. si tratta di un linguaggio che estende da xml quindi molto facile da scrivere e modificare nella propria lingua. Quindi per ciò che riguarda la parte chatterbot questo è quanto. La seconda parte del mio progetto prevede anche l’utilizzo di una Talking Face che prende in input le risposte della chatterbot (queste provengono dalla base della conoscenza in AIML). Di codice opensource (Talking Face) se ne trova ancora di meno!! questo è il problema. E comunque si trova molto in C++ e poco in java. Quindi il problema principale è integrare il talkingface (codice c++) con la chatterbot (programD) scritto in java. Ho trovato un TF scritto in java ma sicuramente la parte grafica della faccina lascia molto a desiderare e comunque anche provare a modificare il codice java per miglorare l’aspetto grafico sarebbe una grande perdita di tempo per quanto mi riguarda. Mi chiedevi per la parte commerciale. Io sto proseguendo per la mia strada anche se abb difficoltosa…ma so che la mia univ si sta rivolgendo ad una ditta che poi ti faro sapere il nome per risolvere il tutto. Ma comunque questa strada a me non interessa visto che sull’argomento ci devo fare una tesi di laurea.
    Comunque se ti interessa approfondire l’argomento o magari parlarne per un aiuto reciproco puoi aggiungermi su msn a danielsan1982@hotmail.it
    a presto,
    guana.

    Rispondi
  9. Roberto

    Ciao Guana! Un’articolo molto interessante, trasparente e chiaro. Ho 48 anni e da 4 anni frequento la palestra con risultati sufficenti ci metto tutto il mio impegno per avere risultati ma……….Solo una cosa non riesco a capire, come vado a calcolare il 75% del nostro massimale dammi un esempio. Scusa la mia ignoranza ma lo squat va fatto ad ogni inizio all’enamento? dimmi tu. Ho scaricato le schede tutto ok! Mi daresti un esempio come vanno interpretate , capite e compilate? mi faresti un esempio di compilazione? E per quanto riguarda l’alimentazione come mi devo comportare? Forse ho chiesto troppo! Per il momento ti ringrazio un saluto da Roberto Ciao.

    Rispondi
    1. guana Autore articolo

      ciao, a quale articolo fai riferimento? Cmq il 75% è facile calcolarlo. Il 75% del massimale è quel peso che ti permette di compiere 8 ripetizioni consecutive. L’ultima ripetizione, cioè l’ottava deve essere quella a limite delle forze; senza cedimento però. cioè l’ultima ripetizione (l’ottava) la devi completare da solo senza alcun aiuto. Per chi si allena da tempo è facile capire il proprio 75%.le ripetizioni andrebbero fatte con il massimo dell’intensità. Per chi si allena da poco tempo l’intensità è un concetto un po’ meno chiaro. per il resto, per ogni esercizio devi capire piu o meno il tuo 75% e prendi questo peso come riferimento. segui scrupolosamente tutte le schede del libro e vai avanti. non ti devi inventare niente. sta tutto scritto li. l’unica accortezza sta nel fatto di appuntarti tutte le volte che ti alleni i pesi; cioè ad esempio lo squat. metti che un giorno fai con 80 kg (8-6-4) la volta dopo devi aumentare di un kg (81 kg). poi sta scritto tutto nel libro. anche l’ordine degli esercizi non devi mai cambiarlo. se all’inizio c’è lo squat all’inizio è quello che devi fare
      ciao.

      Rispondi
      1. guana Autore articolo

        ps. se hai soltanto le schede senza avere il libro del BIIO non puoi fare il BIIO. prima devi leggere tutto il libro. con soltanto le schede non vai lontano sprecheresti solo del tempo.
        Inoltre l’alimentazione è semplice. non servono diete e diete complicate. le dritte sono semplici: mangiare 6/7 pasti al giorno contenuti. mai fare pasti abbondandi a spaccare. mangiare tanta frutta e verdura. carni bianche. pesce. pasta mai superare 80 grammi (mai mangiare la pasta dopo le 17). non mangiare dolci. non mangiare cose zuccherate.carni rosse una volta a settimana. mantenere il livello di insulina sempre costante( questo lo si fa non mangiando dolci e troppa pasta, ecc)

        Rispondi
  10. Roberto

    Ok tutto chiaro grazie del tuo ulteriore consiglio. l’unica cosa che mi manca è il libro ma presto lo aquisterò, e da quello che mi hai detto una volta letto il libro tutto diventerà un gioco. Granzie ancora ed a risentirci a presto per i prossimi consigli sei un grande! P.S. all’articolo che mi riferivo era quello dove tu dici (PER CHI NON AVESSE ANCORA CAPITO QUALE SARà L’ARGOMENTODI OGGI, AVVERTO GIà DA ADESSO CHE SI PARLERà DI BODYBUILDING ECC…)

    Rispondi
  11. Sequino Annunziata

    Carissimo Donato,
    Sono Zia Nunzia e con Maria e famiglia che ti stiamo cercando.
    Non puoi immaginare il piacere di averti rintracciato.
    Sento il bisogno di avere subito tue notizie e spero che, con zia Letizia, Michela, Gigi e Luca tu sia ancora in contatto.
    Mia nipote Maria da Amantea muore dalla voglia di rivederti.
    In attesa di quanto sopra, ti mando un grosso abbraccio.
    Zia Nunzia.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...