Cerca

Guana Blog

..ma co c'hai 'nte la testa?!

Categoria

Informatica

Virtual Caregiver Assistant all’ EMMIT 2010

cfd8e75c5c4a57443e023776e03988ab

Virtual Caregiver all’emmit 2010.

EMMIT 2010


EURO-MEDITERRANEAN
MEDICAL INFORMATICS and TELEMEDICINE
6th International Conference

September 26–28, 2010
Split (Croatia)

Con immenso piacere annuncio che nei giorni 26-28 settembre 2010   parteciperò al congresso sulla telemedicina “Emmit 2010” a Spalato (Croazia) presentando il progetto  “Virtual Caregiver for Ambient Assisted Living“.

University of Split
School of Medicine (Medicinski Fakultet Split)
SPLIT, Šoltanska 2
Organized by
EMIT@ssociation
In Cooperation with:
University of Split, School of Medicine
Croatian Society for Medical Informatics
@ITIM, Italian Association of Telemedicine and Medical Informatics
Under the patronage of
REPUBLIC of CROATIA, MINISTRY of SCIENCE, EDUCATION and SPORTS
MUNICIPALITY OF SPLIT
InCE – INITIATIVE FOR CENTRAL EUROPE
EUROPEAN COMMISSION
WHO – WORLD HEALTH ORGANIZATION
UNESCO – United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization
IITM – International Institute of Tele-Medicine
REGION of MARCHE, ITALY

Final PROGRAMME

Sunday, September 26th
TUTORIALS AND TEACHERS:
9.00 – 10.30
Ontologies in Bio-Medicine
D. Pisanelli, M. Guendel
10.30 – 12.00
Web 2.0 and social health networks
V. Ilakovac, D. Pomper
12.00 – 13.30
Informatics in Neurosciences and Neuroinformatics
F. Sicurello, F. Mihanovic, Z. Dogas
14.00 – 15.30
Virtual Reality in Medicine and Surgery
L. T. De Paolis
From 14.00
PARTICIPANTS’ REGISTRATION
EMMIT 2010
18.00 – 19.30

OPENING CEREMONY:
Radovan Fuchs, Minister of Science, Education and Sports, Croatia (invited)
Ivo Slaus, Croatian Academy of Sciences and Arts
Eugenio Campo, Ministry of Foreign Affairs, Italy
Zoran Dogas, University of Split
Matko Marušić, Dean, School of Medicine, University of Split
Vesna Ilakovac, Chair of Croatian Society for Medical Informatics
Francesco Sicurello, EMMIT, President
20.00
WELCOME PARTY – the Basements of Diocletian’s Palace
Monday, September 27th
9.00 – 10.45

I Session: Information Society and eHealth,
chairs: MOHAMED ABDALLA, ANAMARIJA MARGAN
-Web 2.0 in the Healthcare Community, Ennio Amori, Paride Lambertini, Angela Palese (University Hospital of Parma, Italy)
-An Interoperable Location-Aware Service Provisioning Architecture for Prescription Identification – Introductory Schema, Olga Zlydareva (Eindhoven University of Technology, the Netherlands), Sameh Abdel-Naby (Universitè des Sciences et Technologies de Lille, France)
-E-Health and Quality Aspects, Zahra’a Noureddine (Health Quality Consultant, EMMIT@ssociation, Beirut, Lebanon)
-RegPok.hr – Croatian Clinical Trials Register; Ana Jeroncic, Ana Marusic (School of Medicine, University of Split Croatia)
-MACERTA: a proposal for telemedicine and epidemiological registries integrated with virtual biobanks in cancer diseases prevention and monitoring; F. Sicurello (IITM, Univ. Milano Bicocca), Ida Biunno (Inst. Biomed. Techn., CNR Milan), A. Di Tommaso (Oncology Found. Catanzaro), G. Mauri (Univ. Milan Bicocca), Piermario Gerthoux (Hospital of Vimercate, MB, Italy)
10.45
Coffee break
11.00 – 12.45

II Session: EPR and Hospital/Health Information Systems,
chairs: VESNA ILAKOVAC, DOMENICO PISANELLI
-Effectiveness of Electronic Medical Record (Gestione Informatica Prestazioni Sanitarie Individuali) at Saipem Health Service; Frano Mika, Ronan Dalida, Sabatino De Sanctis (Saipem SpA, Italy)
-Potential of Agent Technology in the domain of Health Information Systems objective and design, Aldo Franco Dragoni, Francesca Capriotti (Università Politecnica delle Marche, Ancona, Italy)
-Full integrated Hospital Information System – WEB 2.0; Drazen Pomper (General hospital of Varazdin, Croatia)
-Influence of the RIS/PACS on the performances of a Radiology Department; A. Tronchi (ASUR Marche, Zona Territoriale 10, Hosp. Camerino–MC-Italy); R. Murri (School of Science and Technology – Dept of Physics Univ. of Camerino–Italy)
-Endoscopic Imaging integration with PACS – RIS; Angela Palese, Clausel Nsondi, Paride Lambertini, Ennio Amori (University Hospital of Parma, Italy)
-An Augmented Reality Application for the Enhancement of Surgical Decisions; Lucio T. De Paolis, Marco Pulimeno, Giovanni Aloisio (Salento University, Lecce, Italy)
12.45
Lunch break
14.00 – 15.45

III Session: Telemedicine systems, services and programs, (I)
chairs: ALDO FRANCO DRAGONI, ANA JERONCIC
-Introduction of Telemedicine services on my island; Anamarija Margan (Internal Medicine Office – Virtual Polyclinic , Mali Losinj, The Island of Losinj, Croatia)
-Telecardiology in specific populations: QT interval monitoring among psychiatric patients, N. Tarquinio, L. Falsetti, W. Capeci, A. Gentile, A. Balloni, A. Zoppi, M. Conio, G. Filippi, M.S. Del Prete, L. Clavelli, G. Ciotti, S. Rossini, I. Vaccarini, S.Di Stefano and Francesco Pellegrini (Hospital of Osimo – Ancona, Italy)
-Cardioversion of Atrial Fibrillation and Antiarrhythmics. Telemedicine confirms that there isn’t a Bounded Link; G. Scaffidi, G. Guerriere, F. Formica, M. Bartolo (S. Giovanni – Addolorata Hospital – Rome – Italy)
-Teleradiology and mobile radiology in practice, I. Drnasin (Infomedica, Split, Poliklinika Vita, Sibenik, Croatia), F. Mihanovic (University of Split, Croatia)
-The application of the latest technology of telepathology which is the WSI in Cairo University in Digital Teaching & Telepathology; Essam Ayad (Italian Hospital and University of Cairo, Egypt)
-Tele Eye-Care; F. Sicurello, A. Donzelli (IITM), C. Azzolini (Univ Insubria, VA, C. Polcini, F. Semeraro (Univ. Brescia, Italy)
15.45
Coffee break
16.00 – 17.45

III Session: Telemedicine systems and programs, (II)
chairs: DRAZEN POMPER, SANA DAYA MARINI
-Trial Teleconsultation sessions on Castoro 12 in North Caspian Sea; Giorgi Kevlishvili, Frano Mika, Sabatino De Sanctis (Saipem SpA, Italy)
-Satellite-based telemedicine in remote waterlands; Hangan Laurentiu-Tony (Ovidius University of Constanta, Department of Medical Informatics and Biostatistics), Bordei Petru (Ovidius University of Constanta, School of Medicine), Grasa Catalin Nicolae (Emergency County Hospital of Constanta, 2nd Surgery Department)
-Telemedicine Service of San Giovanni-Addolorata Hospital in Rome. Analysis of 2 years of Activity (2008-2010); Giorgio Scaffidi, Michelangelo Bartolo, Gianpiero Guerrieri. F. Formica, AR Moretti (Azienda Ospedaliera S. Giovanni-Addolorata, Rome, Italy)
-DREAM Programme: use of telemedicine as a model to cooperation with Africa; G. Guerrieri(San Giovanni – Addolorata Hospital – Rome); L. Palombi and S. Mancinelli (Tor Vergata University – Rome), MC Marazzi (LUMSA University, Rome), M. Peroni (Community of S. Egidio – Rome), A. Cucita (University of Messina), P. Narciso (Spallanzani Hospital, Rome), G. M. Bernava and P. Giglio (Community of S.Egidio – Messina), M. Bartolo (San Giovanni – Addolorata Hospital – Rome. Italy)
-Telemedicine Network for Cooperative Medical Decision Making in Balkan Countries; Alessandro Taddei, Andrea Gori, Debora Mota et al (1Medical Informatics and Pediatric Department G.Pasquinucci Heart Hospital, CNR – Tuscany Region G.Monasterio Foundation – Massa)
-Telemedicine Program for the Balkan Area, Rifat Latifi (University of Arizona, Arizona Health Sciences Center, Tucson, USA) by Teleconference
19.30
Social Dinner
Tuesday, September 28th
9.00 – 10.45

IV Session: Learning, Nursing Informatics and Telecare
chairs: ANA MARUSIC, FRANO MIKA
-The power of tele-education stimulates new possibilities: Virtual mobility of Croatian medical students, Suncana Kukolja Taradi (University of Zagreb, Croatia), Zoran Dogas (University of Split, Croatia)
– EMMIT’s Initiative for Training Nurses & Junior Doctors on Medical Informatics and Telemedicine in the Euro-Mediterranean Healthcare Structures; Mohamed Abdalla (Vice-President of EMMIT@ssociation, Egypt)
-Nurses’ Attitudes towards the use of the BCMA System; Sana Daya Marini (American University of Beirut, Lebanon)
-Bar Coded Medication Administration System decreases ME and improves identification of the 5Rs; Sana Daya Marini (American Univ. of Beirut, Lebanon)
Virtual Caregiver Assistant for Ambient Assisted Living; Aldo Franco Dragoni, Daniele Regno (Università Politecnica delle Marche, Ancona, Italy)
-Telemedicine allows Atrial Fibrillation Treatment at Home; Giorgio Scaffidi, Michelangelo Bartolo (San Giovanni -Addolorata Hospital, Rome, Italy)
10.45
Coffee break
11.00 – 12.45

V Session: Ontology in medicine
chairs: MICHELANGELO BARTOLO, ZORAN DOGAS
– Biomedical Ontologies: some minimal requirements, Domenico N. Pisanelli (CNR Rome, Italy)
-Informatics tools for ontologies: NeuroWeb experience in neurosciences, Michaela Guendel, Giancarlo Mauri, Alessandro Donzelli, Francesco Sicurello (IITM and University of Milan Bicocca, Italy)
-An efficient pathology-based Semantic Information Seeking system of biomedical literature, Antonio Giordano, Simone Battagliero, Gaetano Scioscia and Pietro Leo (IBM Italia S.p.A., Italy)
-Web-Based Ontologies for Breast and Lung Cancer Abdel-Badeeh M. Salem, Marco Alfonse (Faculty of Computers & Information Sciences – Computer Science Department – Ain Shams University, Cairo, Egypt)
-Comparative Analysis about two Biomedical Ontologies: “SNOMED CT” and “ROME”, Aldo Franco Dragoni, Marta Gentile, Mauro Mazzieri (Università Politecnica delle Marche, Ancona, Italy)
12.45
Lunch break
14.00 – 15.45

VI Session: Decision Support Systems, Data and Text analysis,
chairs: ABDEL-BADEEH SALEM, MIRA HERCIGONJA-SZEKERES
-Textual Analysis of Good Practice Requirement of EuroRec Repository Statements, M. Hercigonja-Szekeres (Hrvatsko Zagorje Polytechnics, Krapina, Croatia), Vesna Ilakovac (University of Osijek, Croatia)
-Decision support System for Healthcare Risk Management in developing countries: case study of Cardiac
Patients in Egypt; Nevine Makram, Edward Wadid (Sadat Academy for Management Sciences, Cairo, Egypt)
-CNIPH – Health indicators integration module; Marijan Erceg, Urelija Rodin, Ranko Stevanovic, Branimir Tomic, Vlasta Decković Vukres (Croatian National Institute of Public Health, CNIPH)
-New client-server models of monitoring the health of the workers at the video terminal; S. Morelli, M. Grigioni, G. Maccioni and D. Giansanti (Dept. Technologies and Health, Ist. Superiore di Sanità, Rome, Italy)
-Web service for data analysis applications in medicine and epidemiology; M. Guendel, A. Donzelli, F. Sicurello (IITM and University of Milan Bicocca, Italy)
15.45
Prize for the best paper of young researchers sponsored by Rotary International
16.00
Poster Session
16.30 – 17.00

Closing and wrap up Session

ciao,

guana.

Annunci

Linux – satanismo e messaggi subliminali

Oramai è tutto chiaro! Il sistema operativo open source ha forti legami con Satana, come è facile intuire dal fatto che:

Quelli che in Windows si chiamano servizi, cioè processi in background che offrono vari tipi di funzioni, sono chiamati in Linux “demoni”;

– Il comando per ottenere il controllo su un file è chmod 666, il numero del diavolo.

– Il comando per terminare l’esecuzione di un programma è “uccidi processo”

– Sono innumerevoli anche gli esempi di messaggi subliminali a sfondo sessuale, tra cui molti comandi:

unzip – strip – touch – finger – mount – fsck – more – yes – umount – sleep – nano – w -lf

Curiosamente, CTRL+G (il tasto n. 6 dalla sinistra della tastiera) svolge l’azione di “abort”

Inoltre ancor più sconvolgente: a fianco la foto rappresenta ciò che vedono gli occhi dei testimoni di Linux quando guardano un computer con sopra installato Linux.

ciao,

guana.

LaTeX

Latex – WYSIWYM contro il WYSIWYG

..o meglio “What You See Is What You Get” contro “What You See Is What You Mean”.

Oggi, dopo un po’ di tempo, riprendo a scrivere qualcosina di informatica. Leggete lo stesso anche se non siete computer-powered, può essere interessante!

Sono sicuro che il 90% (o forse anche di più) di chi utilizza un pc, per poter scrivere una qualsiasi pagina testo utilizzi un programma di editor tipo Microsoft Word o, in più piccola percentuale, Open Office, Abiword e via dicendo. Parlando in lingua informatichese, mi sto riferendo ad editors di tipo WYSIWYM (What You See Is What You Get, quello che vedi è quello che ricevi).

Ma cos’è Latex? La finalità ultima dell’utilizzo di Latex è sempre quella degli editor di testo citati precedentemente ma a differenza di questi LaTeX non è un programma nel quale si vede ciò che si scrive, come lo si scrive, come verrà stampato. LaTeX è un codice: un linguaggio. O meglio un liguaggio di programmazione per la formattazione del testo e non solo.

Latex quindi rientra tra quelli che sono i cosidetti linguaggi di markup, ovvero quei linguaggi che si utilizzano per impostare un documento come ad esempio HTML, XML o AIML.

Quante volte vi sarete trovati nella situazione di utilizzare un documento Microsoft Word per scrivere una tesina, una relazione una tesi e non riuscire a formattare il testo come si vuole esattamente o importare una formula piena di simboli astrusi e non riuscire a piazzare un’immagine “esattamente lì…. in quel punto..un po’ più su e più là…la voglio là……ma non troppo….a destra del testo” ? Ecco alla fine, con un po’ di paroline…e un po’ di agitazione ci si riesce sempre a meno che non siate proprio negati per il computer. Ma alla fine del lavoro ci si chiede sempre se c’è un modo molto più rapido e soprattutto flessibile per poter scrivere e quindi formattare un testo esattamente come lo si vuole.

La risposta a questo punto non può che essere Latex. Si è vero, diciamo che si tratta di una sorta di rivoluzione delle nostre abitudini. Ma come ben sappiamo le rivoluzioni ci piacciono eccome!

Bene, quindi, dicevamo Latex sinonimo di: controllo assoluto di cosa succede, totale compatibilità (i documenti scritti in LaTeX si trasformano in PDF, che sono uno standard compatibile con tutto), potenza (si possono scrivere formule matematiche come se fossero scritte su carta), automatizzazione (liste dei capitoli che vengono automaticamente generate).

Un esempio:

$x = {{-b \pm \sqrt{b^2-4ac}}\over 2a}$

Ma che sono quei segnacci? . Niente di più semplice e lineare. Ipotizzate di scriverli in un qualsiasi editor di testo tipo quello di Windows “Blocco Note”, Kwrite, Mousepad, Gedit e poi lo compilate con pdflatex, otterrete un pdf con dentro questo:

Ecco utilizzando invece Microsoft Word, con un po’ di incazzature probabilmente alla fine avreste ottenuto un qualcosa del genere: “x = (-b ± √(b²-4ac))/2a “. Notate delle differenze? Fate un po’ voi.

Concludendo LaTeX è utilizzato per stendere tesi universitarie, articoli scientifici, nonché libri e altro. Per chi fosse interessato, qui c’è un intero manuale in italiano su LaTeX, scritto con lo stesso LaTeX. Inserisco anche il link al forum italiano utilizzatori LaTeX: GUIT.

ciao,

guana.


Krugle – alla ricerca del codice perduto


Ragazzi, una chicca che riguarda il mondo dello sviluppo di codice. Forse sarò arrivato tardi ma come dice il detto… non è mai troppo tardi per imparare. Krugle, di facile utilizzo. Si tratta di un motore di ricerca formulato ad hoc per sviluppatori di codice. Krugle permette di effettuare ricerche di codice rispetto al linguaggio (C/C++, Java, Awk, IDL, Modula,…e molti altri) e rispetto all’area (commenti, documentazione, codice sorgente, definizione di funzioni, chiamata di funzioni, definizione di classi,…).Fa davvero paura!! In più per ogni file trovato specifica anche la licenza con cui questo file è rilasciato. Permette anche di cercare articoli tecnici e progetti interi. Inoltre, nel sito di krugle.org, viene data la possibilità di scaricare il plugin per Eclipse funzionante come client. Comodo no? Tutti gli sviluppatori dovrebbero averlo tra i loro segnalibri o integrato nell’IDE Eclipse. Nel mio lavoro di tirocinio, in questa fase iniziale, mi è nacessario ricercare un po’ di codice open source. Beh, Krugle mi sembra proprio la soluzione ottimale. Proverò e vediamo se lo sarà.


ciao,
guana.

Meglio Windows o Linux?

Tempo fa scrissi un articolo che parlava del  sistema operativo Ubuntu (Linux), ricordate? . Si metteva in luce la necessità, per noi informatici, di venire a conoscenza di quelle che sono le differenze tra Windows e Linux.  Si cercava di dare un significato ai tanti luoghi comuni e frasi fatte espresse dalla maggior parte degli utenti, del tipo : “Ubuntu e meglio di Windows” , “Ubuntu è più stabile” , “Windows si blocca sempre”, ecc..  Si era detto in quell’articolo che avrei aperto uno spazio in questo blog appunto per parlare di informatica, iniziando appunto dal nostro dilemma : E’ meglio WINDOWS o LINUX?

Bene io e il mio gruppo di colleghi ci siamo posti questa domanda e siamo arrivati a delle conclusioni.

Non è stato un lavoro per niente facile. Il lavoro vero e proprio di test sui due sistemi operativi è stato preceduto da un’approfondito studio teorico che marchasse le principali caratteristiche di ciascun sistema. Naturalmente abbiamo tenuto sempre in considerazione ed approfondito quelli che sono i concetti di base che fanno parte della conoscenza del funzionamento di un sistema operativo tipo:  Kernel, scheduling di processi e thread, meccanismi di interrupt, gestione della memoria e studio dei sistemi multi processore SMP.

Ovviamente affermare che un sistema operativo è meglio di un altro, significa rendersi un po’ conto di come tale sistema riesca a gestire ed ottimizzare i suoi processi in esecuzione sfruttando al massimo e al meglio le proprie risorse e conseguentemente riducendo notevolemente i tempi di esecuzione degli stessi. Ci si rende conto che il fine ultimo di un ottimale utilizzo delle risorse riguarda  una minore attesa da parte di un qualsiasi utente che magari si trova davanti ad un monitor e che deve attendere del tempo per avere a sua disposizione la macchina prima che la stessa completi di eseguire un programma. Quindi si capisce che se il sistema operativo è lento l’utente vedrà la macchina lenta o indisponibile. E’ per questo che spesso siamo  indotti ad affemare che windows è meglio di linux o viceversa.

Per verificare effettivamente le prestazioni dei sistemi operativi analizzati, abbiamo pensato di eseguire dei test di benchmark per poter confrontare in termini non solo teorici i due sistemi. Questi test ci hanno, infatti, permesso di confrontare i tempi di esecuzione di varie applicazioni. I tempi osservati sono stati raccolti, analizzati e studiati per poterne trarre delle conclusioni finali per quel che riguarda le prestazioni di scheduling, relative ai due sistemi nell’esecuzione di processi multi-thread su un’architettura multi processore. La scelta dei programmi utilizzati per il test è ricaduta su quelle applicazioni maggiormente utilizzate in un ambiente desktop/workstation, e che ci desse, inoltre, la possibilità di eseguire lo stesso software su entrambi i sistemi operativi. Per eseguire questi test abbiamo ritenuto opportuno utilizzare una macchina vergine, con nessun sistema preinstallato, in modo da poter effettuare i test su un sistema operativo che non avesse applicazioni installate se non i driver delle periferiche. Il vantaggio di questo approccio è che, in questo modo, non essendo presenti applicazioni esterne al sistema stesso, eccetto gli applicativi di benchmark, si sono ridotti al minimo i processi/threads in esecuzione sulla macchina.

Si è proceduto secondo i seguenti punti:

– Formattazione della macchina

– Installazione di Windows XP PRO-SP2 (esclusi aggiornamenti)

– Installazione Ubuntu 8.04 e ricompilazione del Kernel ottimizzato per un sistema dual core

– Installazione e configurazione dei software

– Creazione degli script di benchmark

– Esecuzione dei test e raccolta dei risultati

– Analisi ed interpretazione dei dati raccolti.

I test sono stai effettuati sull’esecuzione dei seguanti applicativi: Mencoder, Lame, FAAC, Rar, OpenSSL, Blender.

Ecco a voi i risultati dei nostri test:

LAME, codifica audio.

Configurazione multipliprocesso singlee thread. I tempi con 2 thread non migliorano rispetto ad un solo processo, perche occupano un core ciascuno. Inoltre lanciando quattro processi si verifica un raddoppio effettivo dei tempi per entrambi i sistemi operativi.
MENCODER, codifica video.

Applicazione multithread nativa. Con un solo thread l’applicazione utilizza appieno un solo core. Con 2 thread si nota un dimezzamento dei tempi di esecuzione e pieno utilizzo dei due core. Con 4 thread Linux risente molto dell’utilizzo dei context switch

FAAC, codifica audio.

Configurazione multiprocesso, single thread. Nel caso di quattro processi di codifica contemporanei è interessante sottolineare come, mentre con linux i processi di codifica ottengono tempi di completamento pressoché identici all’interno della singola prova, con windows invece si possono notare tempi di completamento dei singoli processi molto differenti tra loro. Linux in questo conferma ulteriormente in questo test una migliore esecuzione parallela dei processi.

RAR

Differentemente dai test precedenti si nota che con due processi concorrenti il tempo registrato non è stato direttamente proporzionale al caso di un solo processo, ma superiore del 30%. Con 2 processi contemposanei la richiesta di risorse di calcolo veniva ad essere superiore a quella disponibile, causando un umento dei context switch e della prelazione tra processi.

Rendering video, BLENDER:

Blender è un’applicazione multithread. Si nota una riduzione notevole dei tempi di completamento sfruttando l’utilizzo di più thread. Con 8 thread le prestazioni migliore ulteriormente rispetto al primo caso. Si nota che Windows ha una risposta migliore. Il motivo è imputabile all’utilizzo dei driver video, proprietari in Windows e open source in Linux.

Crittografia, OPENSSL- DES3

Il test di crittografia evidenzia una migliore prestazione del file system EXT3 di Linux. L’NTFS di Windows subisce un calo di prestazioni proporzionale alla quantità di dati scritti fino a raggiungere una perdita del 41 % rispetto a EXT3 di Linux.

Crittografia, OPENSSL, MD5:

A causa della natura dell’applicazione, CPU intensive e diskless, si nota una riduzione dei tempi di completamento tra le prove eseguite in successione.

Conclusioni. Beh analizzando i risultati si nota che Windows mostra una migliore gestione delle applicazioni multithread come MPlayer e Blender.

Linux mostra invece un’ottimizzazione migliore dello scheduling per applicazioni CPU intensive ed una miglior gestione della cache per il riutilizzo delle istruzioni.

Per Windows si è notato un effettivo aumento di priorità data alle finestre in primo piano.

Per Linux si è notata una notevole stabilità dei tempi di completamento tra le singole prove. GLi altri processi nel sistema interferiscono in maniera non rilevante.

C’è da sottolineare però il fatto che, in generale, l’attenzione non è ricaduta tanto su quale dei due sistemi sia il “migliore” ma su come essi si distinguono nell’affrontare i problemi relativi alla gestione di applicativi Multi-thread e su architetture Multi-Core.

COMPARAZIONE DEI TEST:


RISULTATO FINALE: WINDOWS 10 – LINUX 13

Che ne dite?  E’ come vi aspettavate?

ps. Tutto il lavoro di studio e di test è stato realizzato da me Daniele (guana), Oscar, Lorenzo e Gianluca.

Ci sentiamo al prossimo articolo.

ciao,

guana.

Compilare il kernel di ubuntu

Bene eccoci quà con il primo post dedicato a linux. Nello scorso post avevo scritto che potrebbe essere  necessario, per chi utilizza linux, rendersi conto del perchè lo si sta utilizzando. Certo moltissimi (gli smanettoni) , avendolo installato nel proprio pc, già conoscono perfettamente quali sono i vantaggi ma sono sicuro che altri, sono soddisfatti di averlo installato ma non sanno realmente per quale motivo.

Qualche giorno fa ho eseguito tutta la procedura per l’installazione di ubuntu 8.04, ultima versione uscita lo scorso aprile. Bene, installazione riuscita perfettamente. Ho quindi iniziato ad installare i primi pacchetti necessari. Poi mi faccio un po’ di giri nei vari forum di ubuntu e mi accorgo che in tantissimi consigliano di ricompilare il kernel. “Ricompilare il kernel ??” 😐 …mmmm

Bene, avendo studiato il corso di sistemi operativi, un po’ sapevo di che cosa si stava parlando, ma adesso praticamente…come si fa?? Praticamente, appunto, che cosa significa ricompilare il kernel? Perchè questa esigenza di farlo?? Che cosa è il kernel?

Prima di tutto c’è da sapere che  il kernel (nucleo) è un programma che si occupa di dare le funzionalità di base per l’utilizzo di un computer come:

gestione della CPU (o processore), gestione della memoria (RAM e non solo), gestione della comunicazione con le periferiche ( I/O – Input/Output), può fornire il multi-tasking schedulazione dei processi, fornisce dei modi per far comunicare i programmi, attua dei meccanismi di sicurezza,  ha una serie di servizi.. ( system calls – chiamate di sistema ).

Bene tutte queste operazioni le fa il kernel. In sintesi quindi i programmi di uso comune, a livello utente, utilizzano le funzioni fornite dal kernel in modo da non dover agire direttamente sulle risorse hardware ed operazioni di più basso livello che abbiamo visto prima.

A questo punto, dopo le prime nozioni teoriche, possiamo quindi iniziare capirci qualcosa e affermare che forse linux è un buon sistema operativo perchè permette la  compilazione del kernel in modo poterlo adattare alle proprie esigenze.

Voi vi chiederete a che cosa puo’ servire compilare il kernel? Prima di tutto rende piu’ snello il sistema. Volete caricare tutti i driver o solo quelli che vi servono? E poi permette di sapere esattamente cosa abbiamo caricato nel sistema eliminando software non necessario che occuperebbe solo spazio inutile e rallenterebbe l’esecuzione di tantissimi programmi.

Ricompilare il kernel da grandi vantaggi in termini di prestazioni quindi ma è un arma a doppio taglio : devi sapere bene quello che fai e quello che abiliti/disabiliti.

Prossimamente inizierò a raccogliere informazioni utili per una migliore compilazione del kernel cercando di non commettere errori. Nel frattempo chi volesse commentare questo post dandomi consigli utili è ben accetto.

ciao,

guana.

La svolta: linux ubuntu

Ragazzi è da un po’ di tempo che non scrivo nel blog. In questo periodo sono stato un pochino impegnato..ma adesso recuperiamo subito subito.

Oggi ho intenzione di aprire un nuovo capitolo a questo blog. Mi rivolgo a quella ristrettissima schiera di persone che magari, qualche volta, presi da una noia mortale, sull’orlo del suicidio, non sanno altro che fare che venire a visitare questo il mio sito. Magari leggendo i miei articoli si annoieranno ancora di più. Non voglio essere responsabile delle vostre morti suicide…. ma pazienza, io mi diverto lo stesso a scrivere post.

Avrete notato che gli argomenti principali del sito riguardano principalmente la politica e sport (metodo BIIO in particolar modo). Da oggi ho deciso di parlare un po’ più spesso anche  di tutto ciò che riguarda il mondo di linux ovvero di Ubuntu. Da notare che in questo momento, mentre scrivo questo post, sto utilizzando appunto ubuntu 8.04 🙂 .

Molto spesso, soprattutto in ambito universitario, si sente parlare di linux o meglio di Ubuntu: “E’ meglio avere ubuntu che Windows !!”…..”Windows è una merda !!”……”Ubuntu è più stabile” ….”.Windows si blocca sempre”. Quante volte avrete sentito e risentito queste affermazioni???? Quasi sempre riescono a convencerci; ci precipitiamo, quindi, a scaricare l’ultima versione di ubuntu da internet…non sapendo veramente perchè lo stiamo facendo. Diciamo “Sì è meglio di Linux..”  ma perchè? Come possiamo spiegarlo??  Ci fidiamo del “senito dire” ?. Beh, secondo me, un informatico che si rispetti non può convincersi così facilmente delle voci di corridoio senza prima conoscere, sperimentare e provare.

Bene, ho deciso quindi di aprire questo nuovo capitolo al blog appunto perchè, anche io ho bisogno di capire e studiare un po’ insieme a a voi, pochissimi lettori suicidi 🙂  quali sono veramente i vantaggi di questo sistema opertaivo rispetto al famosissimo Windows e capire se veramente esistono. Quindi a presto con un nuovo post ubuntuniano.

ciao,

guana.

Ubuntu…una necessità

Linux para seres humanos

sexy-ubuntu.jpg

Una settimana fa mi si è “ngrippato” in maniera definitiva e irreversibile Windows Xp o meglio “WinZoz”, direi.

Ad un primo momento ho cercato di risolvere il problema eseguendo una bella scansione antivirus ma niente, problemi ancora irrisolti. Ho riavviato il pc e scopro inoltre che tutti i file “.exe” di tutti i programmi installati non erano più associati ai relativi programmi “link inesistente”…bene!! impossibile eseguire qualsiasi applicazione, che bello!!

Cercare di risolvere il problema, magari riformattando e riinstallare windows non avevo assolutamente voglia, anche perchè non ho molto tempo da perdere in questo periodo. Ho pensato, quale può essere la migliore soluzione per riavere sottomano un computer? La soluzione? ….Ubuntu !!

Eh si ragazzi….sia ringraziato il virus di Windows. Ho deciso di dare una svolta definitiva con Ubuntu.

Tempo fa avevo creato una partizione nell’HD per installarlo ma lo avevo lasciato lì, nei meandri del mio HD ad arrugginirsi. Beh, adesso è proprio arrivato il momento di utilizzarlo appieno. Ora stò solo aspettando la nuova versione che esce adesso ad aprile per poterlo installare definitivamente e togliere di mezzo windows.

Basta con il monopolio Microsoft e il solito capitalismo 😉

ciao

guana.

La matematica è un opinione

Ragazzi dopo svariati esami fatti alla triennale di matematica (analisi I , II e III)  ho tratto delle concusioni. Eh si ho capito finalmente che la matematica è un opinione. Ho risolto esercizi, studiato dimostrazoni, assiomi e dimostrato teoremi e dopo tutti questi anni …si ci sono riuscito!! ho capito che la matematica va risolta secondo la propria opinione. L’unico modo per comprenderla davvero 😉

aaaaaaaaaaaaaaaaaaa.jpg

 bbbbb.gif

 3.jpg

find_x_lol.jpg

infinityhhh.gif

ciao,

guana.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑