Archivi categoria: Poesia

Il sogno di una vita che si realizza…

Non ci sono parole per commentare un video bello come questo…

colonna sonora: Mad World di Gary Jules

ciao,

guana.

Annunci

Aforisma del giorno – 2# – da Prima Lettera ai Corinzi

” Quand’ ero bambino, parlavo da bambino, pensavo da bambino, ragionavo da bambino. Ma, divenuto un uomo, ciò che era bambino l’ho abbandonato.”

PAOLO DI TARSO, Prima lettera ai Corinzi, XIII, 11-12

ciao,

guana.

Il Labirinto.

linux

Il Labirinto

Fuggendo nel buio,
inseguendo il nulla,
cercando invano,
io mi illudo.

Giro tortuoso,
imbocchi senza fine.
Immerso nel vano un lume di speranza,
spento, ancora una volta,
da un vortice incombente.

Ricomincio.
Vado avanti.
Più forte,
più forte,
contando i passi,
scandendo il tempo.

Finalmente a galla,
respiro.
Mai più nell’abisso,
mai più nel profondo.
mai più.

Galleggio nell’acqua,
è come volare.
Silenzio, pace intorno:
Luce calda del sole riflessa sul mare.

Solo una melodia di gabbiano
spazza via il laborinto nella mente.

Il laborinto nella mente,
il laborinto della mente.
Contando i passi,
scandendo il tempo.

Ed io di nuovo,
mi vesto del nulla,
mi avvolgo nell’oblio
e cosciente,
mi preparo a sprofondare nel terribile labirinto.

ciao,

guana.

VideoClip della settimana – Mare dentro

Mare Dentro – tratto dal film “Mar Adentro” di Alejandro Amenabar.


Mare dentro, in alto mare – dentro, senza peso
nel fondo, dove si avvera il sogno: due volontà
che fanno vero un desiderio nell’incontro.

Un bacio accende la vita con il fragore luminoso di una
saetta, il mio corpo cambiato non è
più il mio corpo, è come penetrare al centro
dell’universo:

L’abbraccio più infantile, e il più puro dei
baci fino a vederci trasformati in
un unico desiderio

Il tuo sguardo il mio sguardo, come un’eco
che va ripetendo, senza parole: più dentro,
più dentro, fino al di là del tutto, attraverso
il sangue e il midollo.

Però sempre mi sveglio, mentre sempre io voglio
essere morto, perché io con la mia bocca
resti sempre dentro la rete dei tuoi capelli.

Ramòn Sampedro

Ciao,

guana.

“Una morte pietosa lo strappò alla pazzia”

Un matto

Tu prova ad avere un mondo nel cuore
e non riesci ad esprimerlo con le parole,
e la luce del giorno si divide la piazza
tra un villaggio che ride e te, lo scemo, che passa,
e neppure la notte ti lascia da solo:
gli altri sognan se stessi e tu sogni di loro

E sì, anche tu andresti a cercare
le parole sicure per farti ascoltare:
per stupire mezz’ora basta un libro di storia,
io cercai di imparare la Treccani a memoria,
e dopo maiale, Majakowsky, malfatto,
continuarono gli altri fino a leggermi matto

E senza sapere a chi dovessi la vita
in un manicomio io l’ho restituita:
qui sulla collina dormo malvolentieri
eppure c’è luce ormai nei miei pensieri,
qui nella penombra ora invento parole
ma rimpiango una luce, la luce del sole

Le mie ossa regalano ancora alla vita:
le regalano ancora erba fiorita.
Ma la vita è rimasta nelle voci in sordina
di chi ha perso lo scemo e lo piange in collina;
di chi ancora bisbiglia con la stessa ironia
“Una morte pietosa lo strappò alla pazzia”.

Fabrizio De Andrè.

fabrizio-de-ande2

http://www.youtube.com/watch?v=nuSkcLY0YQg

ciao,

guana.

Dove sei

ragazzaspiaggia02je3

Dove sei.

Ricordi belli,
favole riempiono l’anima.

Dove sei,
nell’ombra un’illusione,
aimè realtà.

Naviga la mente
invano cercando te.

Nell’aria un alito di speranza
per un domani già presente.

Daniele

“La vita è bella”

La vita è bella.

Rapito,
incosciente di tutto.

Un tuo sguardo,
un lampo
e la luce dei tuoi occhi.

La vita è bella,
il tuo pensiero,
parole dalle tue dolci labbra.

Ed io leggero sopra le nuvole
mi avvolgo nella speranza di te.

Per te

Daniele.

rpa363

( Pierre-Auguste Renoir )