Archivi categoria: The best

Virtual Caregiver Assistant all’ EMMIT 2010

cfd8e75c5c4a57443e023776e03988ab

Virtual Caregiver all’emmit 2010.

EMMIT 2010


EURO-MEDITERRANEAN
MEDICAL INFORMATICS and TELEMEDICINE
6th International Conference

September 26–28, 2010
Split (Croatia)

Con immenso piacere annuncio che nei giorni 26-28 settembre 2010   parteciperò al congresso sulla telemedicina “Emmit 2010” a Spalato (Croazia) presentando il progetto  “Virtual Caregiver for Ambient Assisted Living“.

University of Split
School of Medicine (Medicinski Fakultet Split)
SPLIT, Šoltanska 2
Organized by
EMIT@ssociation
In Cooperation with:
University of Split, School of Medicine
Croatian Society for Medical Informatics
@ITIM, Italian Association of Telemedicine and Medical Informatics
Under the patronage of
REPUBLIC of CROATIA, MINISTRY of SCIENCE, EDUCATION and SPORTS
MUNICIPALITY OF SPLIT
InCE – INITIATIVE FOR CENTRAL EUROPE
EUROPEAN COMMISSION
WHO – WORLD HEALTH ORGANIZATION
UNESCO – United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization
IITM – International Institute of Tele-Medicine
REGION of MARCHE, ITALY

Final PROGRAMME

Sunday, September 26th
TUTORIALS AND TEACHERS:
9.00 – 10.30
Ontologies in Bio-Medicine
D. Pisanelli, M. Guendel
10.30 – 12.00
Web 2.0 and social health networks
V. Ilakovac, D. Pomper
12.00 – 13.30
Informatics in Neurosciences and Neuroinformatics
F. Sicurello, F. Mihanovic, Z. Dogas
14.00 – 15.30
Virtual Reality in Medicine and Surgery
L. T. De Paolis
From 14.00
PARTICIPANTS’ REGISTRATION
EMMIT 2010
18.00 – 19.30

OPENING CEREMONY:
Radovan Fuchs, Minister of Science, Education and Sports, Croatia (invited)
Ivo Slaus, Croatian Academy of Sciences and Arts
Eugenio Campo, Ministry of Foreign Affairs, Italy
Zoran Dogas, University of Split
Matko Marušić, Dean, School of Medicine, University of Split
Vesna Ilakovac, Chair of Croatian Society for Medical Informatics
Francesco Sicurello, EMMIT, President
20.00
WELCOME PARTY – the Basements of Diocletian’s Palace
Monday, September 27th
9.00 – 10.45

I Session: Information Society and eHealth,
chairs: MOHAMED ABDALLA, ANAMARIJA MARGAN
-Web 2.0 in the Healthcare Community, Ennio Amori, Paride Lambertini, Angela Palese (University Hospital of Parma, Italy)
-An Interoperable Location-Aware Service Provisioning Architecture for Prescription Identification – Introductory Schema, Olga Zlydareva (Eindhoven University of Technology, the Netherlands), Sameh Abdel-Naby (Universitè des Sciences et Technologies de Lille, France)
-E-Health and Quality Aspects, Zahra’a Noureddine (Health Quality Consultant, EMMIT@ssociation, Beirut, Lebanon)
-RegPok.hr – Croatian Clinical Trials Register; Ana Jeroncic, Ana Marusic (School of Medicine, University of Split Croatia)
-MACERTA: a proposal for telemedicine and epidemiological registries integrated with virtual biobanks in cancer diseases prevention and monitoring; F. Sicurello (IITM, Univ. Milano Bicocca), Ida Biunno (Inst. Biomed. Techn., CNR Milan), A. Di Tommaso (Oncology Found. Catanzaro), G. Mauri (Univ. Milan Bicocca), Piermario Gerthoux (Hospital of Vimercate, MB, Italy)
10.45
Coffee break
11.00 – 12.45

II Session: EPR and Hospital/Health Information Systems,
chairs: VESNA ILAKOVAC, DOMENICO PISANELLI
-Effectiveness of Electronic Medical Record (Gestione Informatica Prestazioni Sanitarie Individuali) at Saipem Health Service; Frano Mika, Ronan Dalida, Sabatino De Sanctis (Saipem SpA, Italy)
-Potential of Agent Technology in the domain of Health Information Systems objective and design, Aldo Franco Dragoni, Francesca Capriotti (Università Politecnica delle Marche, Ancona, Italy)
-Full integrated Hospital Information System – WEB 2.0; Drazen Pomper (General hospital of Varazdin, Croatia)
-Influence of the RIS/PACS on the performances of a Radiology Department; A. Tronchi (ASUR Marche, Zona Territoriale 10, Hosp. Camerino–MC-Italy); R. Murri (School of Science and Technology – Dept of Physics Univ. of Camerino–Italy)
-Endoscopic Imaging integration with PACS – RIS; Angela Palese, Clausel Nsondi, Paride Lambertini, Ennio Amori (University Hospital of Parma, Italy)
-An Augmented Reality Application for the Enhancement of Surgical Decisions; Lucio T. De Paolis, Marco Pulimeno, Giovanni Aloisio (Salento University, Lecce, Italy)
12.45
Lunch break
14.00 – 15.45

III Session: Telemedicine systems, services and programs, (I)
chairs: ALDO FRANCO DRAGONI, ANA JERONCIC
-Introduction of Telemedicine services on my island; Anamarija Margan (Internal Medicine Office – Virtual Polyclinic , Mali Losinj, The Island of Losinj, Croatia)
-Telecardiology in specific populations: QT interval monitoring among psychiatric patients, N. Tarquinio, L. Falsetti, W. Capeci, A. Gentile, A. Balloni, A. Zoppi, M. Conio, G. Filippi, M.S. Del Prete, L. Clavelli, G. Ciotti, S. Rossini, I. Vaccarini, S.Di Stefano and Francesco Pellegrini (Hospital of Osimo – Ancona, Italy)
-Cardioversion of Atrial Fibrillation and Antiarrhythmics. Telemedicine confirms that there isn’t a Bounded Link; G. Scaffidi, G. Guerriere, F. Formica, M. Bartolo (S. Giovanni – Addolorata Hospital – Rome – Italy)
-Teleradiology and mobile radiology in practice, I. Drnasin (Infomedica, Split, Poliklinika Vita, Sibenik, Croatia), F. Mihanovic (University of Split, Croatia)
-The application of the latest technology of telepathology which is the WSI in Cairo University in Digital Teaching & Telepathology; Essam Ayad (Italian Hospital and University of Cairo, Egypt)
-Tele Eye-Care; F. Sicurello, A. Donzelli (IITM), C. Azzolini (Univ Insubria, VA, C. Polcini, F. Semeraro (Univ. Brescia, Italy)
15.45
Coffee break
16.00 – 17.45

III Session: Telemedicine systems and programs, (II)
chairs: DRAZEN POMPER, SANA DAYA MARINI
-Trial Teleconsultation sessions on Castoro 12 in North Caspian Sea; Giorgi Kevlishvili, Frano Mika, Sabatino De Sanctis (Saipem SpA, Italy)
-Satellite-based telemedicine in remote waterlands; Hangan Laurentiu-Tony (Ovidius University of Constanta, Department of Medical Informatics and Biostatistics), Bordei Petru (Ovidius University of Constanta, School of Medicine), Grasa Catalin Nicolae (Emergency County Hospital of Constanta, 2nd Surgery Department)
-Telemedicine Service of San Giovanni-Addolorata Hospital in Rome. Analysis of 2 years of Activity (2008-2010); Giorgio Scaffidi, Michelangelo Bartolo, Gianpiero Guerrieri. F. Formica, AR Moretti (Azienda Ospedaliera S. Giovanni-Addolorata, Rome, Italy)
-DREAM Programme: use of telemedicine as a model to cooperation with Africa; G. Guerrieri(San Giovanni – Addolorata Hospital – Rome); L. Palombi and S. Mancinelli (Tor Vergata University – Rome), MC Marazzi (LUMSA University, Rome), M. Peroni (Community of S. Egidio – Rome), A. Cucita (University of Messina), P. Narciso (Spallanzani Hospital, Rome), G. M. Bernava and P. Giglio (Community of S.Egidio – Messina), M. Bartolo (San Giovanni – Addolorata Hospital – Rome. Italy)
-Telemedicine Network for Cooperative Medical Decision Making in Balkan Countries; Alessandro Taddei, Andrea Gori, Debora Mota et al (1Medical Informatics and Pediatric Department G.Pasquinucci Heart Hospital, CNR – Tuscany Region G.Monasterio Foundation – Massa)
-Telemedicine Program for the Balkan Area, Rifat Latifi (University of Arizona, Arizona Health Sciences Center, Tucson, USA) by Teleconference
19.30
Social Dinner
Tuesday, September 28th
9.00 – 10.45

IV Session: Learning, Nursing Informatics and Telecare
chairs: ANA MARUSIC, FRANO MIKA
-The power of tele-education stimulates new possibilities: Virtual mobility of Croatian medical students, Suncana Kukolja Taradi (University of Zagreb, Croatia), Zoran Dogas (University of Split, Croatia)
– EMMIT’s Initiative for Training Nurses & Junior Doctors on Medical Informatics and Telemedicine in the Euro-Mediterranean Healthcare Structures; Mohamed Abdalla (Vice-President of EMMIT@ssociation, Egypt)
-Nurses’ Attitudes towards the use of the BCMA System; Sana Daya Marini (American University of Beirut, Lebanon)
-Bar Coded Medication Administration System decreases ME and improves identification of the 5Rs; Sana Daya Marini (American Univ. of Beirut, Lebanon)
Virtual Caregiver Assistant for Ambient Assisted Living; Aldo Franco Dragoni, Daniele Regno (Università Politecnica delle Marche, Ancona, Italy)
-Telemedicine allows Atrial Fibrillation Treatment at Home; Giorgio Scaffidi, Michelangelo Bartolo (San Giovanni -Addolorata Hospital, Rome, Italy)
10.45
Coffee break
11.00 – 12.45

V Session: Ontology in medicine
chairs: MICHELANGELO BARTOLO, ZORAN DOGAS
– Biomedical Ontologies: some minimal requirements, Domenico N. Pisanelli (CNR Rome, Italy)
-Informatics tools for ontologies: NeuroWeb experience in neurosciences, Michaela Guendel, Giancarlo Mauri, Alessandro Donzelli, Francesco Sicurello (IITM and University of Milan Bicocca, Italy)
-An efficient pathology-based Semantic Information Seeking system of biomedical literature, Antonio Giordano, Simone Battagliero, Gaetano Scioscia and Pietro Leo (IBM Italia S.p.A., Italy)
-Web-Based Ontologies for Breast and Lung Cancer Abdel-Badeeh M. Salem, Marco Alfonse (Faculty of Computers & Information Sciences – Computer Science Department – Ain Shams University, Cairo, Egypt)
-Comparative Analysis about two Biomedical Ontologies: “SNOMED CT” and “ROME”, Aldo Franco Dragoni, Marta Gentile, Mauro Mazzieri (Università Politecnica delle Marche, Ancona, Italy)
12.45
Lunch break
14.00 – 15.45

VI Session: Decision Support Systems, Data and Text analysis,
chairs: ABDEL-BADEEH SALEM, MIRA HERCIGONJA-SZEKERES
-Textual Analysis of Good Practice Requirement of EuroRec Repository Statements, M. Hercigonja-Szekeres (Hrvatsko Zagorje Polytechnics, Krapina, Croatia), Vesna Ilakovac (University of Osijek, Croatia)
-Decision support System for Healthcare Risk Management in developing countries: case study of Cardiac
Patients in Egypt; Nevine Makram, Edward Wadid (Sadat Academy for Management Sciences, Cairo, Egypt)
-CNIPH – Health indicators integration module; Marijan Erceg, Urelija Rodin, Ranko Stevanovic, Branimir Tomic, Vlasta Decković Vukres (Croatian National Institute of Public Health, CNIPH)
-New client-server models of monitoring the health of the workers at the video terminal; S. Morelli, M. Grigioni, G. Maccioni and D. Giansanti (Dept. Technologies and Health, Ist. Superiore di Sanità, Rome, Italy)
-Web service for data analysis applications in medicine and epidemiology; M. Guendel, A. Donzelli, F. Sicurello (IITM and University of Milan Bicocca, Italy)
15.45
Prize for the best paper of young researchers sponsored by Rotary International
16.00
Poster Session
16.30 – 17.00

Closing and wrap up Session

ciao,

guana.

Annunci

Lisbona 2010

Eh si la vacanza è oramai finita. Non aggiungo altro.

Per voi il video che ho realizzato.

Buona visione:

ciao,

guana.

Guana Blog – Vi presento il logo del Blog

Guana Blog – Vi presento il nuovo Logo del Blog

Ed eccoci qua. Pian piano il blog sta riscuotendo sempre più successi in rete. Oramai le visite totali stanno raggiungendo rapidamente quota 100.000, un risultato che fino all’anno passato sembrava impossibile da raggiungere ed invece oggi ci stiamo veramente vicini. Pressappoco, facendo due calcoletti, in meno di 2 mesi il blog raggiungerà la fatidica quota 100.000.

A fronte di questi risultati come si poteva continuare ad andare avanti senza nemmeno un misero logo di rappresentazione?Bene oggi abbiamo rimediato subito.  Che ne dite?

ciao,

guana.

 

La banda bassotti

Impunità. Cos’è l’impunità? Pare che i nostri politici la conoscano molto bene. Eh si, proprio in questi giorni il governo ed in particolar modo il ministo  Alfano sta valutando, molto attentamente, a quali cariche estendere l’immunità.

Nel mio blog ultimamente sto dedicando molti post alla politica ed in particolar modo al governo. Con questo posso sembrare ripetitivo ed ossessionato ma vi assicuro che è necessario parlarne. Parlare della dittatura che ci attende e che ci opprimerà. La maggior parte degli italiani, aimè ,ancora non se ne è resa conto ma la macchina antidemocratica già è in moto. Come del resto lo dimostrano le tante proposte di legge pazze, le quali, in parte, ho citato nei miei vecchi post.

Bene l’ultima pazzia varata dal nostro ministro della giustizia è il cosiddetto “lodo-Schifani“.  Beh.. “pazzia” forse non è il termine più appropriato, più che altro non è una pazzia ma una furbata bella e buona.

Quando sono venuto a conoscenza di questa legge non ci credevo, non credevo che un governo intero permettesse di promulgare tali leggi che riguardassero gli interessi di soltanto pochi individui o meglio di uno solo a discapito di tutti gli altri, i cittadini.

La questione è questa. Abbiamo un presidente del consiglio che non vuole essere processato, questo è il nocciolo della questione.

La legge “lodo-Schifani-Alfano” prevede che le cinque più alte cariche dello stato ( presidente consiglio, pres. camera, pres. senato, pres. repubblica, pres. corte costituzionale) non rispondano dei loro delitti. Ne’ delitti legati alla loro funzione, né delitti estranei alla loro funzione, né quelli commessi durante il mandato e  né quelli commessi prima del mandato fino al termine del mandato. “Tutto quà”.

Vedete come in poche righe di una legge il governo è capace di istituire una dittatura !!. Adesso l’unica speranza che rimane è il nostro presidente della repubblica, Napolitano che dovrà firmare la legge. Napolitano si dovrebbe rendere conto, speriamo, che tale lodo è assolutamente incostituzionale infatti l’articolo 3 della nostra costituzione recita ” tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge senza distinzione di sesso, razza e religione…..condizione di vita personale e sociale” ovvero non interessa il tipo di lavoro che si fa o la caricha che si ricopre. Davanti alla legge si è tutti uguali.

Nel 2003 il governo berlusconi, già provò riuscendoci, per 6 mesi, a fare un’altra legge (blocca processi) simile a questa. La cosa interessante è che la corte costituzionale constrinse il governo a ritirare la legge perchè assolutamente anticostituzionale (sempre a seguito dell’articolo 3 della costituzione). L’allora capo di stato, Ciampi, fece una bruttissima figura firmando tale legge perchè appunto venne annullata dalla corte costituzionale. Quindi vedete, il governo ci sta girando intorno, ci sta riprovando e tutto solo per salvare il culo del presidente del consiglio. Ma ci rendiamo conto??? Invece di pensare al bene dei cittadini e alla catastrofica situazione economica sta pensando solo ai cazzi suoi e ai suoi processi. C’è davvero da preoccuparsi !.

ciao,

guana.

Il “doping” natural

…e lo squat a 20 ripetizioni.

Per chi non avesse ancora capito quale sarà l’argomento di oggi, avverto già da adesso che si parlerà di bodybuilding, quindi chi non fosse interessato (suppongo moltissimi), può anche evitare di iniziare a capire di che cosa si stà parlando.  Scusatemi ma  l’argomento è riservato agli “addetti ai lavori”. :)..no dai skerzo. Potete leggere tutti, tanto già so che chi non è interessato alla parola “bodybuilding” di prima, ha già chiuso la finestra 🙂 . Quindi adesso, a questo punto di questo post, in questa riga, a leggere sarete solo pochi eletti interessati.

Bene iniziamo col dire che l’allenamento BIIO (Breve Intenso Infrequente ed Organizzato) è un allenamento in tutto e per tutto natural. Cosa significa? La parola natural già ci suggerisce molte cose. Naturale.. in termini di allenamento, di alimentazione e riposo. Vi chiederete allora…ma il riposo e l’alimentazione sono già naturali; fanno parte della nostra fisiologia. Beh si è vero, ma se ragioniamo nell’ottica di allenamento da bodybuilding a volte questi fattori non sono sfruttati e gestiti nel modo più corretto. L’alimentazione per esempio, molto spesso, per via dell’ignoranza, è portata agli estremi, riposo quasi nullo ed integrazione esagerata. Beh allora ragazzi tutto ciò, se mi permettete, con il “natural” non ha niente a che fare.

Ma cos’è un allenamento non natural allora? Semplice… In palestra ho sempre visto ragazzi stare delle ore ed ore a sfrozarsi esageratamente cercando di ottenere qualcosa di buono. “Più spingo forte e più sarò grosso !!! ” e allora giù…tutti rossi in faccia, stremati dopo tre ore di palestra. Niente di più sbagliato e controproducente per la propria salute. Questo, ad esempio, è un allenamento non natural. Anzi direi senza criterio alcuno e senza senso.  Quindi la situazione è questa. Un ragazzo si iscrive in palestra. Ha ambizioni ad acquistare molta massa muscolare. Inizia con allenamenti assurdi ed estenuanti che propinano in tutte le palestre. Ovviamente i primi mesi otterrà risultati (attenzione ..i primi mesi) finchè non sovraggiunge il fatitido “superallenamento”. In condizione di superallenamento il fisico incomincia a ribellarsi a tutto questo stress indotto da quell’assurdo allenamento e quindi non si riescie ne’ a crescere ne’ ad allenarsi con la grinta di prima; ci si sente sempre più stanchi ed esterrefatti. A questo punto le possibili conseguenze sono due: o si lascia definitivamente la palestra “tanto non serve a niente”; oppure ci si rivolge al proprio pseudo-istruttore chiedendo perchè non si acquista più massa muscolare e perche si è sempre sfiniti. Bene se lo pseudo-istruttore è un ignorante in materia (come la maggiorparte), ma non è un pazzo criminale, allora vi cambierà scheda di allenamento ma nonostate ciò si continuerà a superallenarsi non ottenendo praticamente niente.  Se invece l’istruttore è, non solo un ignorante, ma anche un pazzo criminale ( come aimè succede in moltissime palestre) allora si è messi proprio nella situazione peggiore. Doping!!!

Eh sì, doping !. Badate, per doping, non intendo creatina, proteine, glutammina ecc…Queste ultime fanno perte di una buona integrazione naturale se assunte con la testa, differentemente da come si potrebbe pensare. Per doping intendo invece ormoni della crescita, GH e altre merde varie che numerossissimi istruttori ( quelli pazzi criminali di prima) somministrano ai poveri ragazzi per ottenere risultati immediati. Tutto ciò è frutto di ignoranza per quanto riguarda questo sport ma non solo questo. Ma ritornando a noi, al nostro allenamento natural; c’è da dire che il BIIO come altri metodi natural (vedi Mc Robert)  hanno come fondamento primario, da cui si parte ad impostare il training, il fatto di considerare che sotto il ferro ad allenarsi c’è un essere umano non dopato e come tale non può sopportare grandi stress. Quindi non siamo dopati !!… e allora? Come ottenere importanti risultati lo stesso? Come arrivare a sollevare anche 160 kg di panca piana e 230 kg di squat senza doping?  Ebbene, udite udite, si può fare! Con soltanto due volte a settimana in palestra per soltanto un ora a seduta. Quindi in totale con soltanto 2 ore a settimana di allenamento. Eh questo che la maggior parte della gente non sa!!! e non vuole capire. Andate 3 o 4 volte a settimana in palestra ? mi dispiace per voi ma non riuscirete mai sollevare tali carichi ed aumentare di peso corporeo anche di 7 kg in un anno. Come fare allora?

Abbiamo detto, quindi che l’allenamento natural non prevede assolutamente l’assunzione di doping per poter arrivare a sollevare carichi cosi apparentemente esagerati. Ma come di fa?  Sinceramente vi dico che anche noi BIIOlogi, un po’ ci dopiamo, qualche volta 😉 …. volete sapere come? semplice ..con lo squat a 20 ripetizioni. Un doping anch’esso ma naturale. Un controsenso ma è cosi!

Ok il BIIO prevede che si utilizzino tutti gli esercizi multiarticolari come panca, squat, lento e stacchi. Ma non tutti sanno che lo squat a 20 ripetizioni se fatto in un modo particolare aumeta il testosterone!!! Avete capito bene!! Praticamente produce quasi lo stesso effetto del doping GH e ormoni assunti come medicinali! Eh allora perchè doparsi? Perche rovinarsi la salute in quel modo quando c’è un modo salutare, naturale per ottenere quasi gli stessi risultati? La risposta è semplice : IGNORANZA.

Suppongo che già conoscete lo squat, considerato il re degli esercizi. Con lo squat infatti si ha la possibilità di aumentare in poco tempo la forza muscolare delle gambe contrariamente a tanto altri esercizi complementari che servono praticamente a poco. Ok fin qui ci siamo! Ma come si può utilizzare questa arma di distruzione di massa così potente per aumentare il testosterone????? 🙂

Praticamente invece di effettuare le solite 10 o 8 ripetizioni che in genere si effetuano, si arriva  invece a 20 ripetizioni con lo stesso peso!! .Il peso da utilizzare deve corrispondere al 75 % del nostro massimale. CI si chiede allora, ma come posso arrivare a 20 se già all’ ottava ( utilizzando il 75 %) in teoria, dovrei essere già a cedimento muscolare? Beh semplice …(ma non troppo 🙂 ); in pratica arrivati alla ottava ripetizione ci si ferma per 4 secondi mantenedo in bilancere sulle spalle, si effettuano due o tre respiri profondi e poi si continua. Quei respiri sono sufficienti per farvi acquistare forza necessaria per fare altre due o tre ripetizioni successive; dopodiché si continua fermandosi altri 4 sec ancora fino ad arrivare alla ventesima.  Ragazzi, ogni tre settimane lo faccio, ma vi giuro che è estenuante…si vede la madonna ad un certo punto …ve lo giuro !!!! Ma dà tantissime soddisfazioni. E’ una vera droga!

Lo squat a 20 rip effettuato al proprio limite assoluto è così produttivo da essere praticamente indispensabile alla maggior parte delle routines natural. Se si desidera veramente crescere senza farmaci non ci sono surrogati di merde chimiche che tengano a sessioni di squat a 20 ripetizioni. La forza di carattere necessaria per spingere il proprio fisico attraverso lo squat a 20 ripetizioni non è facile da trovare ma aimè è molto più facile farsi influenzare da persone che sostengono che l’unico modo per ottenere risultati è allenarsi tutti i giorni oppure doparsi.

ciao,

guana.

Vi lamentavate di Prodi?

Vi riporto stasera una presentazione che riguarda la situazione, direi drammatica, economica che ci ritroviamo nel nostro paese. Più nello specifico, si parla di debito pubblico in Italia, delle tasse e della pressione fiscale sotto i governi di centro-destra e di centro-sinistra, mettendo a confronto questi ultimi. Avete votato il governo Berlusconi? Beh.. pentitevi, guardate questo video e buttatevi dalla finestra.

Come sempre ho ripetuto nei miei post politici, ribadisco anche in questo che in Italia, per venire a conoscenza delle reali notizie di carettere economico e politico, è strettamente necessario leggere e informarsi dai media e stampa straniera. Oramai la tv italiana e gran parte della stampa è monopolizzata. Non a caso il power point è stato preparato da due studenti universitari italiani alla “London School of Economics”, mika da due fessi politici italiani.

ps. tutti i dati presenti nel video provengono da fonti ufficiali come ISTAT, EUROSTAT e OCSE.

ciao,

guana.